Lo stringinaso serve a correggere la forma del naso?

Indice

Le soluzioni chirurgiche e di medicina estetica per migliorare un naso invecchiato

Le soluzioni per contrastare l’invecchiamento del naso

Per correggere  gli inestetismi che l’invecchiamento produce sul naso  è possibile  optare per soluzioni:

  • temporanee facendo ricorso alla medicina estetica,
  • definitive, mediante la chirurgia. 

I trattamenti di  medicina estetica per rimodellare un naso invecchiato

I trattamenti di medicina estetica non riescono a correggere tutti gli inestetismi appena menzionati che si presentano a carico del naso con l’invecchiamento.  Ad esempio consentono di  migliorare il problema dell’abbassamento della punta,  ma difficilmente riescono a risolvere il problema dell’aumento del volume e della dimensione del naso, se non in alcuni casi selezionati.  La rinoplastica non chirurgica  (rinofiller) infatti  può contare solo su tecniche di aumento  mediante innesti-filler, ma non su tecniche riduttive, come spiegato egregiamente nella live sotto pubblicata,  dal dott. Riccardo Forte e dal dott. Domenico Romano.

Per sollevare la punta del naso la  medicina estetica mette a disposizione due tipologie di trattamenti. E’ possibile utilizzare:

  • filler a base di acido ialuronico o di idrossiapatite di calcio  da iniettare a livello della spina nasale, alla base del setto o lungo il dorso del naso, a seconda dei casi,
  • tossina botulinica, anche in questo caso si iniettano poche unità di tossina alla base del naso. In questo modo si provoca un rilassamento del muscolo depressore della punta del naso e il suo conseguente sollevamento. E’ opportuno osservare che in questo caso l’utilizzo della tossina botulinica è off- label

Punti d’iniezione (Courtesy of dott. Massimo Signorini)

Prima e dopo il trattamento

I risultati sono ottimi con entrambi le sostanze, sempre che il trattamento venga eseguito da un medico competente. Le differenze sono rilevabili soprattutto in termini di durata del risultato:

  • 4/5 mesi con la tossina botulinica, 
  • 12 mesi o più con l’acido ialuronico a seconda del tipo di prodotto utilizzato.

Le soluzioni chirurgiche per migliorare un naso invecchiato

Nel caso in cui, per migliorare un naso invecchiato, si voglia optare per una soluzione definitiva, è possibile ricorrere alla chirurgia che propone vari tipi di interventi a seconda delle differenti problematiche. Nel caso in cui si desideri:

  • sollevare la punta o rimodellarla alcuni chirurghi consigliano l’intervento di  rino-tip che comporta il solo rimodellamento delle cartilagini e solitamente viene eseguito in  anestesia locale. L’intervento non lascia cicatrici visibili, in quanto le incisioni avvengono nella parte interna delle narici, e comporta una convalescenza abbastanza breve. E’ bene sottolineare che si tratta di  un intervento che può essere eseguito soli in casi selezionati in cui vi sia veramente da agire solo sulla punta,
  • ridurre le dimensioni del naso sarà necessario un intervento di rinoplastica completo che prenda in considerazioni il naso nel suo complesso.

[nextpage title=”Lo stringinaso, il correttore nasale e il tappanaso, la mia esperienza con il Rhino correct”]

Cosa è lo stringinaso, correttore nasale o il tappanaso

Lo stringinaso o tappanaso è  un oggetto utilizzato in linea di massima dai nuotatori e serve per evitare che l’acqua entri nelle narici.

Stringinaso o tappanaso. Costo 5 euro

Lo stringinaso per assottigliare il naso: il Rhino Correct,  Hana Tsun Nose Straighter

Negli ultimi anni, sulla scia della famosa molletta per i panni utilizzata da Amy per assottigliare il naso, il marketing, facendo leva sul desiderio di bellezza del genere umano,  ha inondato il mercato di dispositivi che promettono, in pochi minuti, di avere il naso “sempre desiderato”. E ne ha variato anche il nome. Il tappanaso è diventato stringinaso o correttore nasale. Del resto, quando si tratta di poter  migliorare aspetti di noi stessi che non ci piacciono, le soluzioni facili, veloci e tutto sommato poco costose, sono quelle che riscuotono maggiore successo. Il problema è capire se davvero sono efficaci o meno.

Esamino due tra i più noti correttori nasali, che hanno spopolato sul web:

  • il Rhino correct,
  • l’Hana Tsun Nose Straighter

Il Rhino Correct è un correttore nasale fatto come una piccola molletta, composto da piccoli cuscinetti in silicone medicale, che promette di rimodellare  la cartilagine, comprimendola.

Il dispositivo promette di correggere la forma del naso senza effetti collaterali ed eliminare i piccoli difetti quali:

  • naso a patata,
  • narici larghe e proporzioni poco armoniose, 
  • punta che guarda verso il basso.

Utilizzato  dalle 3 alle 4 volte la settimana per 15 minuti al giorno, agisce progressivamente e senza provocare  dolore, arrivando a modificare il naso anche di 2 millimetri al mese.

I risultati sarebbero visibili  dopo 30-45 giorni e tenderebbero a stabilizzarsi in 90 giorni.

Questo ciò che compare sul sito ufficiale dove è possibile acquistare il dispositivo.

Si parla di Azione Scientificamente provata senza citare nessun studio scientifico.

Poi si cita un tale dottor Enrico Brambilla, specialista in chirurgia plastica, Università di Stanford che da una prima ricerca risulta non esistere.

Costo del Rhino correct 49 euro

L’Hana Tsun Nose Straighter, una clip in plastica con terminali di silicone che si infilano nelle narici che, indossato per soli 20 minuti al giorno promette  un assottigliamento del naso progressivo.

Anche in questo caso si sostiene che:

  • le cartilagini del naso, spinte quotidianamente dall’interno,  verso il setto nasale, possano assottigliare il naso,
  • le ossa nasali a lungo andare si modificherebbero, assumendo una forma, più armonica.

Lo stringinaso, che sembra un vero strumento di tortura,  ha avuto un successo immediato,  soprattutto  tra le ragazze orientali, tanto che l’azienda ha cominciato a produrne modelli diversi. C’è quello vibrante che promette risultati in tempi più rapidi e quello che promette di sollevare  la punta…

Costo dell’Hana Tsun Nose Straighter 49 euro

La mia esperienza con lo stringinaso

Ho iniziato ad utilizzare lo stringinaso quest’estate.  Facendo continuamente foto per il blog e per i social mi sono resa conto che il naso si stava allargando e soprattutto una narice in particolar modo  sembrava tendere a dilatarsi.

Come ho raccontato in un altro articolo ho eseguito una rinoplastica all’età di 29 anni della quale ero rimasta molto soddisfatta. Nell’intervento non era stata toccata la punta del naso, ma solo il dorso,  che era stato notevolmente assottigliato e  dal quale era stata tolta una piccola gobbetta. Le narici, già irregolari,  non erano state invece modificate ed erano rimaste diverse l’una dall’altra, come erano in origine. Pensate che di questa imperfezione non mi ero mai accorta fino a  4 anni fa quando ho iniziato la mia avventura con Faceboost. E’ stato infatti scattando foto  e girando video dei trattamenti da sdraiata che mi sono resa conto di questa irregolarità. Le foto davvero non perdonano….

E la stessa cosa è accaduta quest’estate. Scattando una una foto prima e dopo un trattamento per verificare i risultati conseguiti, mi sono resa conto che il naso si stava allargando e in particolar modo una narice. Addirittura credevo che il problema fosse dovuto al filler che era stato eseguito ai lati del naso. E invece, osservando con attenzione  le foto prima e dopo il trattamento mi sono resa conto che l’inestetismo esisteva già da prima.

Non avendo  nessuna intenzione di sottopormi ad un intervento di rinoplastica e avendo l’esempio di mia madre che si aggira sempre per casa con lo stringinaso, ho deciso di provarlo. L’ho chiamata per sapere se ne avesse uno in più da prestarmi. Mi ha risposto che effettivamente ne aveva due e che uno avrebbe potuto regalarmelo. Quando sono arrivata a recuperarlo  credevo di trovarmi di fronte un semplice tappanaso da piscina che le avevo sempre visto indossare. E invece lei, navigando su internet si era imbattuta nel Rhino correct ed era rimasta incantata dalla descrizione e da ciò che prometteva.  Anche perché dalla descrizione sembrava che non lasciasse segni sulla pelle, anche se lo si indossava a lungo. E  mia madre ne aveva acquistati ben due perchè,  aveva pensato che, se ne avesse perso uno, le sarebbe rimasto l’altro. E questo altro stava per darlo a me.

La mia opinione sul Rhino correct

Premetto che a mio parere lo stringinaso in generale, anche una semplice molletta per i panni, esercitando un’azione meccanica  può, se indossato con costanza e a lungo, assottigliare temporaneamente il naso,  soprattutto nei casi in cui il naso subisca  variazioni di volume dovute al gonfiore.

Ma NESSUN stringinaso o correttore nasale che dir si voglia, neppure il Rhino correct, che dalla sua ha solo il prezzo elevato, ma che funziona esattamente come uno stringinaso da piscina (cost0 dai 5 ai 10 euro massimo), può consentire  correzioni strutturali del naso ne’ può in alcun modo:

  • eliminare un gibbo o gobba 
  • ridurre le dimensioni di un naso grande,
  • sollevare la punta. 

Diciamo che paragonerei la sua funzione a quella di una maschera di bellezza con effetto cenerentola o red carpet. Quindi se una mattina vi svegliate con il naso più gonfio e più voluminoso del solito e desiderate renderlo più snello e riportarlo alle dimensioni originarie velocemente,  il tappanaso può avere un senso. Ma non dovete nutrire l’illusione che uno strumento del genere possa modificare in modo permanente le dimensioni del vostro naso, ne’ per sollevarne la punta.  Per quello nella maggior parte dei casi è necessaria o la medicina estetica o  la chirurgia

Cosa ho ottenuto con il Rhino Correct

Indossando il Rhino correct un paio di ore al giorno sono riuscita a riportare il naso alla dimensione originaria che aveva dopo avere eseguito la rinoplastica.

Non sono riuscita  a migliorare la narice dilatata.

Vorrei precisare che indossare un qualunque  stringinaso ed  è fastidioso. Sia perché:

  • creando una pressione sulla pelle dopo un po’ il dolore diventa irritante,
  • impedisce di respirare correttamente e questo crea problema di ossigenazione che riduce anche la concentrazione.

Diventa quindi impossibile indossarlo a lungo. E questo fastidio lo si avverte  indossando qualunque stringinaso, anche il Rhino correct, decantato per non imprimere eccessiva pressione  e per non lasciare segni sulla pelle. A proposito  di questo ultimo aspetto devo ammettere che,  l’unico vero vantaggio dell’utilizzo del Rhino correct rispetto agli altri stringinaso, e’ dovuto ai segni riscontrabili sulla pelle che, pur essendo visibili, scompaiono in pochi minuti una volta rimosso il dispositivo.

I segni sulla pelle dopo l’applicazione del Rhino correct

E quindi se proprio volete provare lo stringinaso, per vedere i risultati che potrete ottenere, acquistate un tappanaso da piscina…. Male  che vada avrete buttato 5 euro ….

0 0 voti
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Il più votato
Più recente Il più vecchio
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
2
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x