Argomenti trattati: medicina rigenerativa e trasferimento di tessuto adiposo (Lipogems)

Carlo Tremolada

Specialista in chirurgia plastica e ricostruttiva e in chirurgia maxillofacciale

Sede: Milano

Visita il sito
Biografia

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1989.
Ha conseguito il diploma di specializzazione in chirurgia plastica,ricostruttiva ed estetica nel 1994, presso l’Università degli Studi di Parma.
Nel 2003 ha conseguito la specializzazione in Chirurgia Maxillo-Facciale presso la scuola di Specializzazione di Chirurgia Maxillo-facciale.
Adjunct professor al Diabetes Research Institute (DRI) della Miami University.
Fondatore e Presidente di LIPOGEMS INTERNATIONAL SPA.

Dal 1994 al 1996 ha preso parte a numerosi stage e collaborazioni in progetti di ricerca e corsi di insegnamento nei reparti di Chirurgia Plastica degli Ospedali di Lodi, Legnano e Niguarda.
Dal 1996 e per i successivi quattro anni lavora presso l’Ospedale San Paolo di Milano come Direttore del servizio di Chirurgia nel dipartimento di chirurgia Maxillo Facciale Dal 1996 al 2004, è stato professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Maxillo Facciale dell’Università degli Studi di Parma (corso: “Anatomia Chirurgica del Volto”) e dal 2005 e per altri cinque anni professore a contratto presso la Scuola di Odontoiatria dell’Università degli Studi di Firenze (corso: chirurgia plastica e ricostruttiva del viso).
Nel 2010 ricopre il ruolo di Adjunct professor al Diabetes Research Institute (DRI) della Miami University in cui svolge importanti ricerche sulle cellule staminali mesenchimali derivate dal tessuto adiposo (federazione DRI).
Ad oggi il Prof. Carlo Tremolada è consulente in Chirurgia Plastica e Maxillo-facciale in diverse Istituzioni e Università sia pubbliche che private; direttore scientifico presso Image Spa e Presidente di Lipogems International Spa.
In qualità di fondatore e Presidente di LIPOGEMS INTERNATIONAL SPA ha brevettato il metodo e il dispositivo Lipogems (PCT Pending PCT/IB2011/052204).
Il prof. Carlo Tremolada è autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche.

Join the discussion 13 Comments

  • Rossella ha detto:

    Buonasera, ho avuto un linfoma non Hodgkin a grandi cellule in conseguenza delle applicazioni di protesi per mastoplastica additiva estetica. Il 16 agosto del 2017 mi sono stata rimossa entrambe le protesi attualmente sono sottoposti a controlli connessi al linfoma. Non ho dovuto effettuare né chemio né radioterapia. L’operazione è stata condotta realizzando anche una mastopessi del tessuto svuotato lasciando però il seno e i capezzoli punto il seno sinistro Purtroppo si presenta più svuotato del destro e con una rugosità della pelle. Non so come altro potrei descriverla. Sono di corporatura normale non particolarmente magra ma neanche rotonda. Ho letto del lipofilling e di altre metodiche a cui posso ricorrere per la ricostruzione del seno. Vorrei sapere se allo stato, posso pensare a un rimpianto delle protesi oppure Quali sono le altre metodiche ricostruttive realmente percorribili nelle mie condizioni. Grazie

    • Faceboost ha detto:

      Grazie per aver contattato Faceboost. Il Prof. Tremolada le risponderà quanto prima

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Rossella. Accidenti che roba. Linfoma non Hodgkin in conseguenza a protesi mammarie?.Ma che tipo di protesi avevi? E di quale marca? Grazie mille e in bocca al lupo

    • Carlo Tremolada ha detto:

      Gentile Rossella,
      Per comprendere al meglio la situazione è essenziale fissare un incontro ed esaminare la documentazione.
      Se vuole essere ricontattata da me personalmente, mi mandi il suo recapito all’indirizzo carlo.tremolada@istitutoimage.com
      Grazie,

      Prof. Carlo Tremolada

  • Giuly ha detto:

    Buonasera dottore, sarei interessata al trattamento lipogems per il viso con lo scopo di dare un leggero volume ad alcune zone del viso.
    A tal proposito desideravo sapere:
    se è sempre necessaria la leggera sedazione o se il trattamento può essere eseguito anche con la sola anestesia locale anche in fase di prelievo del grasso;
    se può essere iniettato anche nella zona mandibolare per definirla nel caso di viso magro migliorando cosi le proporzioni del viso o se in quella zona sono preferibili i fillers;
    dopo quanti giorni si è presentabili al lavoro.

    La ringrazio,
    Cordiali saluti.

  • Carlo Tremolada ha detto:

    Gentilissima,
    1 Lipogems e ideale ler queste problematiche;
    2 Non è sempre necessaria la sedazione e si puo fare anche in locale;
    3 Certamente la zona mandibolare è perfetta e Lipogems è ideale
    4 Praticamente subito perché Lipogems ha anche un forte effetto antinfiammatorio e non gonfia.
    Se vuole essere ricontattata da me personalmente, mi mandi il suo recapito all’indirizzo carlo.tremolada@istitutoimage.com
    Grazie,

    Prof. Carlo Tremolada

  • Alessandra Bianco ha detto:

    Buongiorno dottore, vorrei sapere per quanto tempo dopo un intervento di mastoplastica additiva c è il rischio incapsulamento.
    Vorrei chiedere anche dopo quanto tempo trattare le cicatrici e con quali prodotti.
    Grazie mille

    • Faceboost ha detto:

      Grazie per aver contattato Faceboost. Il prof Tremolada le risponderà nel più breve tempo possibile

  • Carlo Tremolada ha detto:

    Gentile Alessandra,
    Il rischio incapsulamento è nel 90% dei casi entro il primo anno, il restante 10% può avvenire in qualunque momento, anche anni dopo.
    Le cicatrici vanno trattate non prima di 6 settimane dall’intervento. Esistono vari prodotti, ma dipende dal singolo caso quale usare.
    Se vuole essere ricontattata da me personalmente, mi mandi il suo recapito all’indirizzo carlo.tremolada@istitutoimage.com
    Grazie,

    Prof. Carlo Tremolada

  • Michela ha detto:

    Buongiorno vorrei avere informazioni sul Liplift. Nello specifico , è necessario tagliare tutto il bordo ( bull horn) o se si vuole sollevare ed estroflettere leggermente solo la parte compresa dal filtro si può ridurre l’entità della cicatrice ? Sinceramente dopo quanti giorni si può uscire di casa senza che la gente ti tempesti di domande ( magari mascherando il gonfiore chiamando in causa un’operazione alle gengive?!?), si può avere una simulazione del risultato? Il chirurgo procede “ millimetro” alla mano? Dopo quanto la cicatrice diventa impercettibile? Dopo quanto la di può coprire col trucco? L’operazione corregge eventuali lievi asimmetrie? Qual è la percentuale di pazienti insoddisfatte? Grazie per la pazienza

  • Carlo Tremolada ha detto:

    Gentilissima Michela,
    1) È necessario un taglio completo;
    2) Si vedono i punti almeno una settimana, poi si vede poco;
    3) La simulazione è possibile.
    Per ulteriori informazioni la invito a contattarmi personalmente all’indirizzo carlo.tremolada@istitutoimage.com
    Grazie,

    Prof. Carlo Tremolada

Leave a Reply to Carlo Tremolada Cancel Reply