Skin care e principi attivi: le combinazioni da evitare, quelle da effettuare con cautela e quelle consentite

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Niacinamide e retinolo, acido ialuronico a basso peso molecolare e acido poliglutammico, vitamina c, retinolo, AHA/BHA e protezione solare, Vitamina C e Vitamina E

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE (OBBLIGATORIE): Vitamina C, Retinolo, AHA/BHA  e protezione solare

Indipendentemente dai principi attivi  che utilizziamo, la protezione solare andrebbe SEMPRE utilizzata, estate ed inverno per proteggere la nostra pelle dai danni dei raggi solari. Ecco perchè l’abbinamento non è da favorire ma lo difinirei OBBLIGATORIO.

Ricordo che il Filtro solare deve essere applicato sopra tutte le altre creme che utilizziamo:  quindi,  prima  applicheremo la nostra crema o siero da giorno e successivamente, qualunque sia il principio attivo che contiene, in rapida successione, stratificheremo la protezione solare.

Per massimizzare  la protezione  sarebbe sempre opportuno applicare insieme alla crema con filtro solare, un antiossidante  come ad esempio la Vitamina C, spesso già presente nelle creme solari.

Fonte Instagram 

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Niacinamide e  Retinolo

Il retinolo soprattutto ad alte percentuali e all’inizio del trattamento può provocare secchezza ed irritazione cutanea. L’utilizzo di prodotti che aiutano a ripristinare l’idratazione della pelle e al lenirla  è quindi da considerare un must.

Ottima quindi le combinazioni che prevedono l’utilizzo di una sostanza  come la Niacinamide  che ha proprietà lenitive e di ripristino della barriera cutanea con il retinolo

Come e quando  applicare la crema idratante dipende, come abbiamo visto prima,  dalla formulazione del retinolo.

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Acido Ialuronico e Retinolo

Anche per questo abbinamento vale quanto già osservato per la combinazione Retinolo Niacinamide . Il retinolo,  soprattutto ad alte percentuali e all’inizio del trattamento può provocare secchezza ed irritazione cutanea. L’utilizzo di prodotti che aiutano a ripristinare l’idratazione della pelle è  importantissimo.

Ottima quindi la combinazione che prevede l’utilizzo di un prodotto a base di acido ialuronico, che contenga al suo interno sia la molecola ad ad alto  peso molecolare che a basso  peso molecolare,  altamente idratante, con il retinolo. Ricordate sempre che le tempistiche di applicazione dipendono dalla formulazione del retinolo (vedi sopra)

Fonte Instagram 

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Acido Ialuronico a basso peso molecolare e Acido Poliglutammico

Naturalmente presente nella pelle, l’acido poliglutammico (PGA) aiuta a mantenere il giusto livello di idratazione cutanea. Trattenendo una quantità di acqua quattro volte maggiore rispetto all’acido ialuronico, contribuisce a idratare la pelle, creando una pellicola che attenua la visibilità di rughe e segni di espressione.

L’acido poliglutammico, come l’acido ialuronico, è  quindi un umettante che lega l’acqua, ma a differenza dell’acido ialuronico, la molecola PGA è un peptide solubile in acqua con una dimensione molecolare  grande, il che significa che non penetra c in profondità nella pelle ma  forma un film sulla sua superficie, che impedisce all’acqua di evaporare e aiuta la pelle a trattenere l’umidità.

L’acido ialuronico può presentarsi in due forme

  • a basso peso molecolare,
  • ad alto peso molecolare.

 L’acido ialuronico ad alto peso molecolare  consente di:

  • correggere la microrugosità donando un effetto tensore immediato:  rimanendo infatti in superficie sullo stato corneo, in quanto ad alto peso molecolare,  e non penetrando in profondità, riesce a svolgere questa funzione,
  • mantenere la pelle idratata a lungo e di conseguenza più luminosa: tale effetto è dovuto alle caratteristiche di  igroscopia tipiche della molecola di acido ialuronico,
  • migliorare la veicolazione degli altri principi attivi contenuti nel prodotto.

 L’acido ialuronico  a basso peso molecolare è una molecola  molto piccola la quale, avendo un’elevata capacità di penetrazione, riesce ad attraversare  le lamelle dello stato corneo  e ad arrivare vicino allo strato basale nell’epidermide. In questo modo: 

  • stimola la pelle a produrre nuovo acido ialuronico naturale, 
  • migliora l’idratazione profonda.

Quindi, combinare l’acido poliglutammico abbinato all’acido ialuronico a basso peso molecolare consente di  reintegrare l’umidità della pelle, creando un rimpolpamento visibile

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Acido Ialuronico e Retinolo

Anche per questo abbinamento vale quanto già osservato per la combinazione Retinolo-Niacinamide . Il retinolo,  soprattutto ad alte percentuali e all’inizio del trattamento può provocare secchezza ed irritazione cutanea. L’utilizzo di prodotti che aiutano a ripristinare l’idratazione della pelle è  importantissimo.

Ottima quindi la combinazione che prevede l’utilizzo di due prodotti:

  • uno a base di acido ialuronico, che contenga al suo interno sia la molecola ad ad alto  peso molecolare che a basso  peso molecolare,  per idratare la pelle sia in profondità che superficialmente, 
  • l’altro  a base di retinolo. 

LE COMBINAZIONI DA FAVORIRE: Vitamina C e Vitamina E

Cosa è e a cosa serve la vitamina E nei cosmetici

La vitamina E è un vitamina liposolubile ed in INCI compare come Tocopherol.

La vitamina E svolge varie funzioni importanti:

  • evita  l’irrancidimento dei grassi inseriti nelle creme,
  • ha azione antiossidante, protegge quindi la pelle dall’azione dei radicali liberi,
  • idratante e lenitiva,
  • aiuta la rigenerazione cutanea,
  • ha un’ azione antinfiammatoria: è quindi utile in  caso di eritemi, arrossamenti, scottature solari.

La vitamina C e la vitamina E sono entrambe importanti da applicare quotidianamente anche nello stesso momento della giornata. Non solo sono sinergici, ma la vitamina C è solubile in acqua, mentre la vitamina E è liposolubile. Insieme, penetrano nei diversi strati della pelle , neutralizzando i radicali liberi sul loro percorso

La combinazione con la vitamina C, nelle formulazioni cosmetiche, secondo alcuni studi scientifici,  è risultata sinergica, in particolare nella protezione UV,  poiché la vitamina C rigenera la vitamina E ossidata,.

Interaction of vitamins C and E as better cosmeceuticals.Burke KE.Dermatol Ther. 2007 Sep-Oct

5 1 voto
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
4 Commenti
Il più votato
Più recente Il più vecchio
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
4
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x