Cerca
Close this search box.

Protocollo di rigenerazione cutanea in 3 steps con tre prodotti differenti: Stamin C, PRP Biomimetico, Skin B

Indice

La mia esperienza con il protocollo di rigenerazione cutanea

Le sensazioni sperimentate e gli effetti collaterali

Il trattamento non è doloroso ma solo fastidioso come un qualunque altro trattamento iniettivo.  Gli aghi utilizzati sono infatti sottilissimi e il dolore è ridotto al minimo.

L’unico inconveniente di questo tipo di trattamenti, soprattutto laddove  le iniezioni sono molte  come in questo caso (10 ml sono tantissimi),  sono i sono i lividi  che, nel mio caso, nonostante  abbia una pelle sottilissima e che si segna facilmente, non si sono presentati.

Merito del  dottor Duchi il quale, oltre ad avere ha una mano leggerissima è rimasto molto superficiali sulla cute. Infatti, è opportuno sottolineare che quanto con le iniezioni si rimane superficiali tanto più è difficile che si presentino lividi dal momento che le strutture vascolari si trovano più in profondità.

Inoltre il dottore ha utilizzato, nel collo e nel contorno occhi (nel video si nota molto bene),  un ago particolare, NANOSOFT, utilizzabile solo con prodotti molto fluidi, caratterizzato da micro-coni in silicone cortissimi (0,6 mm), che rendono l’ago tre volte più piccolo di  quelli normalmente in uso, con il quale si riesce a ridurre  al minimo il rischio di lividi e  minimizzare il dolore che è pressochè inesistente. Straconsigliato a tutte le amiche agofobiche e che non sopportano il dolore o semplicemente ha chi ha la pelle molto delicata.

Ago NANOSOFT

Cosa ho ottenuto con il protocollo di rigenerazione cutanea

Ho eseguito il protocollo di rigenerazione cutanea immediatamente prima della stagione estiva per rendere la pelle più idratata e  “preparata” ad affrontare l’insulto del sole. Desideravo anche migliorare  la tonicità e la compattezza della cute oltre alla luminosità, risultati che ho sempre ottenuto tutte le volte in cui  ho eseguito il trattamento con PRP autologo. E speravo anche con questo protocollo di ottenere risultati analoghi .

Ho eseguito l’intero protocollo come da manuale rispettando i tempi stabiliti.

Nonostante tutto, i risultati promessi non si sono verificati e non ho potuto notare sulla mia pelle nessun cambiamento, nè al tatto, nè alla vista.

Ho aspetto un paio di mesi, dal termine dell’intero protocollo, prima di scrivere l’articolo per capire se qualcosa, passando il tempo, potesse cambiare,  ma non ho notato niente.

Va detto però  che i trattamenti biostimolanti, soprattutto quelli rigenerativi,  rappresentano un  “atto di fede”. La pelle dovrebbe godere di benefici che difficilmente sono percepibili alla vista, ma che si ottengono nel tempo.  Come detto in precedenza, nel caso della rigenerazione dermica  non si mira esclusivamente al miglioramento della pelle dal punto di vista estetico, ma alla sua rigenerazione, a cui poi in seconda battuta, seguirà anche un miglioramento estetico.

Quindi sono certa che in ogni caso,  la mia pelle avrà goduto dei benefici e degli effetti, se pur non visibili,  di questo protocollo.

Tendo a sottolineare che questa è ovviamente la mia esperienza. Magari ci potrebbe essere tra voi qualcuno che ha avuto risultati tangibili, differenti dai miei.

Anzi sarei proprio curiosa di sapere da qualcuno di voi che ha provato questo protocollo,  come si è trovata.

0 0 voti
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Il più votato
Più recente Il più vecchio
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
2
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x