Cerca
Close this search box.

Lo provo per voi. Test di nutrigenetica per un programma alimentare cucito su misura

Indice

La mia esperienza con il test di nutrigenetica

Devo dire che il test di nutrigenetica, che mai avrei pensato di eseguire se non avessi incontrato la dottoressa Franceschelli, è stato di veramente molto utile.

La dottoressa Franceschelli esegue il test di nutrigenetica su un campione della mia saliva

Ho scoperto delle predisposizioni del mio organismo che mi hanno chiarito alcune problematiche che ho sempre riscontrato come ad esempio:

  • la grande difficoltà a perdere peso, che ho sempre mantenuto con grande sforzo e sacrificio,
  • la scarsa risposta della mia muscolatura all’esercizio fisico,
  • la sensibilità al sodio.

Osservate le immagini sottostanti che parlano da sole.

Come potete osservare l’attività fisica finalizzata a ridurre il grasso corporeo ed il colesterolo (che per fortuna ho nei range), nel mio caso incide poco. E in ogni caso mi si consiglia di agire più sull’alimentazione che non sull’attività fisica.

Mi viene consigliata inoltre un’alimentazione distribuita in macronutrienti in questo modo

  • 25% di proteine,
  • 35% di carboidrati,
  • 40% di lipidi.

Ma i dati che mi hanno colpito di più sono questi. Ho un’elevata probabilità di sviluppare

  • il diabete e ci sta perchè mio padre era diabetico
  • l’obesità. Questo significa che se nella mia vita non avessi prestato molta attenzione all’alimentazione e all’attività fisica probabilmente sarei stata sovrappeso. Ed è la verità. Ho fatto attenzione allo stile di vita perchè mi sono sempre resa conto che se non avessi avuto comportamenti virtuosi serei stata sovrappeso o addirittura obesa. Perchè fin da ragazzina era sufficiente mangiare leggermente di più per farmi prendere peso.

Sulla base di questi dati e dopo il colloquio con la nutrizionista che ha cercato di capire qual è il mio stile di vita, gli alimenti che mi piacciono e quelli che non amo particolarmente, è stato stabilito uno schema alimentare cucito su misura che mi permetterà (spero) di mantenermi in salute ed avere miglioramenti anche nella mia composizione corporea.

Il nuovo programma alimentare non si discosta moltissimo da quello che già seguivo quindi non dovrebbe essere difficile da portare avanti. Devo solo:

  • mangiare di più, ma diversamente, essendo più rigorosa nell’assunzione delle proteine,
  • variare di più l’alimentazione,
  • cambiare i miei orari di assunzione del cibo (sarà l’aspetto più difficile da modificare).

Sull’attività fisica non transigo. Sia efficace o meno ai fini della riduzione del grasso e del colesterolo non mi interessa. Continuerò perchè mi piace e mi fa stare bene. Ne beneficerà di sicuro il mio cervello. Il che non mi pare un dettaglio irrelevante. Non vi pare?

0 0 voti
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x