La Dieta Mima Digiuna per vivere a lungo e in buona salute: la mia esperienza

La dieta mima digiuno: il protocollo Prolon cosa è e come si articola, esempi di pasti, gli integratori, cosa si può aggiungere o non si può aggiungere al protocollo

La dieta mima digiuno sviluppata come  programma Prolon

Da queste evidenze scientifiche nasce e si sviluppa  il concetto di dieta Mima Digiuno, ossia una composizione nutrizionale che sfrutta la nutritecnologia e quindi la conoscenza degli effetti che diversi nutrienti hanno sull’attivazione di vari geni per regolare l’invecchiamento e la rigenerazione cellulare.

Il concetto di Dieta  Mima Digiuno periodica è stato accolto con entusiasmo da molte tra le principali Università e ospedali di ricerca in Europa e USA,e ad oggi vi sonooltre 40 studi clinici completati, in corso o in via di sviluppo.

La ricerca è stata sponsorizzata dal National Cancer Institute (NCI) e il National Institute on Aging (NIA) del National Institute of Health (NIH).

In Italia  molte università e istituti di ricerca sono o saranno coinvolti nella ricerca pre-clinica o clinica sulla Dieta Mima Digiuno:

  • Università di Genova,
  • l’IFOM di Milano,
  • l’Università di Verona,
  • l’Università La Sapienza di Roma,
  • Istituto Nazionale Tumori (INT),
  • Istituto Europeo di Oncologia (IEO),
  • Università di Palermo.

La  dieta Mima digiuno denominata  ProLon® Promoting Health and Longevity è distribuita dalla  società L-Nutra inc., fondata dal prof. Valter Longo  nel 2009 in California  e nel 2012 in Italia.

Il progetto L-Nutra si fonda sulla convinzione che sia fondamentale insegnare anche alle persone sane un corretto modo di alimentarsi in modo tale che possano vivere più a lungo, ma soprattutto senza le malattie invalidanti che l’invecchiamento porta con sè.

ll Prof. Valter Longo, ad oggi è maggior azionista di L-Nutra ed impegna tutte le sue azioni ed i proventi in attività di divulgazione e beneficienza. Anche il 100% dei ricavi ottenuti dalla vendita dei suoi libri, sono stati donati dal Prof. Longo alle fondazioni Create Cures negli USA e Fondazione Valter Longo in Italia.

Il protocollo della dieta Prolon

La dieta Prolon  è un programma alimentare  racchiuso in un kit che contiene tutti gli alimenti da utilizzare per i pasti di 5 giorni. Il kit, quasi interamente vegetale,  contiene:

  • minestre liofilizzate,
  • barrette,
  • cracker,
  • olive,
  • bevande,
  • integratori vegetali.

Importante sottolineare che tutti gli alimenti non contengono nè  glutine nè lattosio, e quindi sono utilizzabili anche da chi è affetto da celiachia.

Il programma dietetico è stato messo a punto dopo una ricerca condotta presso la University of Southern California (USC),in due dei principali centri mondiali di ricerca biomedica e di longevità:

  • il Longevity Institute,
  • il Diabetes and Obesity Research Institute.

Come si articola la dieta Mima digiuno con il protocollo Prolon

ProLon® è stato progettato in modo specifico, in modo che chi intraprende il programma in grado di seguirlo per 5 giorni completi senza introdurre altri alimenti.

Il programma ProLon è suddiviso in cinque piccoli box. Ognuno  contiene gli alimenti integratori e le bevande che è possibile consumare in ogni giorno.

Il programma apporta:

  • circa 1100 kcal nel primo giorno,
  • circa 800 kcal dal secondo al quinto giorno.

Nello specifico, la composizione nutrizionale è ripartita in

  • 45% circa di Carboidrati, di cui 9% semplici;
  • 45% grassi, principalmente insaturi (si trovano nei prodotti di origine vegetale come olive, olio d’oliva e frutta secca, ma anche nel pesce azzurro, salmone, sgombro. Non sono dannosi per l’organismo, piuttosto sono essenziali)
  • 9-10% di proteine vegetali.

Schema nutrizionale completo

Dal secondo al quinto giorno  è presente una bevanda energetica,  a base di glicerina vegetale che deve essere diluita in base al peso corporeo, come da immagine sotto.

Istruzioni per diluire l’L-Drink

Il box contiene anche una borraccia da 95o ml da utilizzare per diluire l’L-Drink

Alcuni esempi di colazione, pranzo, spuntino pomeridiano e cena

Queste sono le immagini che ho scattato nei 5 giorni della mia dieta mima digiuno.

Esempio di colazione

La colazione è sempre la stessa e non varia nei 5 giorni del protocollo

Esempio di pranzo:

La minestra, sempre diversa nei vari giorni del protocollo, è liofilizzata deve essere preparata aggiungendo acqua e seguendo le istruzioni indicate sul retro della confezione.

Esempio di spuntino

Esempio di cena

Dal secondo al quinto giorno è previsto l’utilizzo del liquido energetico L-Drink da diluire in acqua

 

Gli integratori del protocollo Prolon

Gli integratori del Protocollo, da assumere secondo lo schema sopra pubblicato sono:

  • Olio di ALGA che contiene 200 mg di DHA (acido docosaesaenoico)  un acido grasso polinsaturo della serie omega-3
  • NR-3 integratore multivitaminico e di minerali.

La composizione di entrambi è ben visibile nelle immagini sotto pubblicate.

 

Composizione di NR-3

Composizione di alga oil

Cosa si può e non si può aggiungere al protocollo Prolon

Al protocollo Prolon non possono essere aggiunti:

  • altri cibi,
  • integratori, fatta eccezione di medicinali che devono essere assunti per patologie,
  • altre bevande fatta eccezione per le tisane tra quelle inserite nel protocollo o l’acqua che deve essere assunta in quantità di 1,5/2 litri  al giorno,
  • caffè o altre bevande con caffeina. Nonostante il caffè sia considerato un alimento da includere nell’alimentazione quotidiana e addirittura il suo consumo sia considerato protettivo nei confronti di alcune malattie come il Parkinson  (merita un articolo a parte), se ne esclude l’uso durante la dieta mima digiuno perchè  lo scopo  è quello di minimizzare le dipendenze.

Le tisane del protocollo Prolon

0 0 voti
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x