Cerca
Close this search box.

Gisella lo prova per voi. Il soft filler a base di peptidi e acido ilauronico che riduce le rughe del codice a barre

Indice

Era da tantissimo tempo, da quando era uscito, che avrei voluto provare e scrivere un aricolo su CG-Styler 600, distribuito da Seventy BG e prodotto dai laboratori di ricerca della sud coreana Caragen, leader mondiale nello sviluppo dei peptidi biomimetici e di fattori crescita.

Ma, tutte le volte che ho tentato di testarlo, mi è stato detto che le mie rughe in dinamica se pur presenti, si vedevano poco, e che sarebbe stato difficile poter osservare risultati evidenti.

Mi sono quindi rassegnata e mi sono tenuta le mie poche rughe. Ma, nell’attesa che si approfondissero un pò, per poter provare personalmente il prodotto, ho deciso, di lanciare un contest e farlo provare ad una di voi. Affinchè, chi non lo conoscesse, potesse apprezzarne la bontà.

Come medico con cui intraprendere questa nuova avventura ho scelto la dottoressa Barbara Claysset, medico estetico, founder della BC Clinic espertissima nell’utilizzo di CG Styler 600 di cui è anche tutor (ne insegna l’utilizzo ad altri medici) che ha accettato immediatamente la mia proposta.

Abbiamo quindi iniziato la selezione delle vostre foto (ne sono arrivate tantissime ) e, alla fine, la dottoressa ha scelto Gisella che ci racconterà la sua esperienza con questo prodotto.

Ma prima di vedere come avviene il trattamento e i risultati ottenuti dalla paziente, vediamo di capire cosa è CG-STYLER 600, com’è formulato a cosa serve

Cosa è CG-STYLER 600

CG-Styler 600 è un filler “dinamico-funzionale“ che esercita un’azione duplice:

  • biorivitalizzante e leggermente riempitiva,
  • miorilassante (di distensione delle rughe dinamiche).
CG-Styler 600

Perchè filler “dinamico-funzionale”?

Per filler “dinamico-funzionale” s’intende la capacità del prodotto di:

  • integrarsi perfettamente nei tessuti nei quali viene infiltrato ed adattarsi al loro movimento (DINAMICO),
  • sfruttare l’azione miorilassante e neuromodulante dei peptidi biomimetici (FUNZIONALE).

A cosa serve CG-Styler 600

CG-Styler 600 è nato principalmente per trattare e minimizzare le rughe verticali periorali, il cosiddetto codice a barre, visibile in dinamica. E’ inoltre utile per correggere le rughe mimiche (di espressione) presenti in aree difficili come:

  • la guancia (rughe glifiche),
  • la glabella (rughe tra le sopracciglia) che non scompaiono con l’utilizzo della tossina botulinica,
  • il contorno occhi.

Perchè si forma il codice a barre?

Le rughe del codice a barre

Le rughe del cosiddetto codice a barre sono dovute non solo ad una graduale riduzione della produzione di collagene ed elastina che normalmente si ha con l’avanzare dell’età in tutti i distretti del viso, ma anche ad altri fattori che possono essere così riassunti:

  • la pelle dell’area periorale, come quella perioculare, è più sottile rispetto alla pelle del resto del viso ed è quindi più soggetta a “segnarsi”. Il codice a barre è infatti un tipico inestetismo femminile, poco frequente negli uomini i quali presentano un derma più spesso del nostro,
  • la graduale perdita di tonicità di tutti i muscoli della zona periorale, dovuta sia al notevole stress meccanico a cui le labbra sono sottoposte a causa delle normali attività quali parlare e mangiare, sia ad un’attività muscolare intensa come sorridere o arrabbiarsi,
  • abitudini e stili di vita scorretti possono ulteriormente accelerare questo processo e la comparsa prematura delle rughe periorali, come:
    • il fumo,
    • l’esposizione al sole “selvaggia”.

Come è formulato CG-Styler 600

CG-Styler 600 è composto da:

  • acido ialuronico ,
  • complesso peptidico biomimetico composto da:
    • Sh-pentapeptide-12 (CG PTx),
    • octapeptide-11.

Un ripasso: cosa sono i peptidi biomimeteci e a cosa servono

Nell’articolo Aquashine: la biorivitalizzazione con acido ialuronico e peptidi biomimetici avevo spiegato che i peptidi biomimetici sono sostanze di sintesi, cioè riprodotte in laboratorio, che mimano, ossia imitano, l’azione dei peptidi naturalmente presenti nel nostro organismo  ai quali assomigliano e ai quali vanno a sostituirsi. Funzionano come ricambi sulle membrane cellulari ed hanno l’obbiettivo di migliorarne il loro funzionamento che a volte può “incepparsi” per varie ragioni, ma soprattuto a causa dell’invecchiamento.

Hanno un meccanismo d’azione definito “chiave-serratura“, che permette a ciascun specifico peptide di inserirsi, con precisione assoluta, nel suo recettore.

Nella maggior parte dei casi, per migliorarne la penetrazione attraverso la cute, i peptidi sono legati chimicamente a una molecola di natura lipofila (che si scioglie con facilità nei solventi oleosi) e che li “trasporta” laddove devono svolgere la loro funzione.

Negli ultimi anni sono stati messi a punto vari peptidi biomimetci, ognuno con  una propria “missione” da compiere: stimolante, rimodellante, ridensificante, cicatrizzante rinforzante, schiarente, desensibilizzante, ecc.

Inizialmente introdotti come componenti di creme, i peptidi biomimetici, sono stati inseriti ultimamente anche tra i componenti di vari medical device iniettabili.

Per capire se un prodotto contiene peptidi sarà sufficiente controllare il suo INCI dove la loro presenza è indicata con il suffisso PEPTIDE (ad es: ACETYL HEXAPEPTIDE-8, TRIFLUOROACETYL TRIPEPTIDE-2 ecc).

Quali sono gli effetti dei peptidi biomimetici veicolati per via iniettiva nei tessuti

La possibilità di veicolare i peptidi  nel derma e/o nell’ipoderma attraverso la via iniettiva associandoli all’acido ialuronico, ha vari effetti:

  • offre una maggiore selettività di azione,
  • li rende immediatamente attivi  laddove vengono iniettati,
  • enfatizza e prolunga l’azione della sostanza veicolata. Nei sistemi iniettivi a base di acido ialuronico, reticolato e/o libero, la presenza dei peptidi biomimetici svolge infatti  un ruolo di potenziamento e di prolungamento della durata dell’effetto,
  • rende stabili i legami chimici tre le sostanze.

A cosa serve l’Sh-pentapeptide-12 (CG PTx) in CG-Styler 600

Il pentapeptide-12 (CG PTx) ha un’azione miorilassante. Si comporta in modo molto simile al botulino (effetto botox-like).

Il botulino blocca la comunicazione nervosa a livello delle sinapsi degradando una proteina, detta SNAP-25, coinvolta nel processo di rilascio, alle terminazione nervose, dell’acetilcolina (un neurotrasmettitore che trasferisce gli impulsi nervosi in molte parti del nostro organismo ed agisce sulla contrazione muscolare), inducendo il rilassamento muscolare.

Qual è il meccanismo d’azione dell’Sh-pentapeptide-12 (CG PTx)

L’Sh-pentapeptide-12 (CG PTx) non “taglia” la proteina SNAP-25 ma disaggrega e scinde il complesso SNARE, composto da sintaxina e SNAP-25, contenute nella membrana plasmatica del neurone, inibendo il rilascio di acetilcolina con conseguente rilassamento muscolare.

Meccanismo d’azione dell’Sh-pentapeptide-12 (CG PTx)

L’efficacia e la sicurezza di tale meccanismo indotto dal CG PTX sono dimostrati da studi di laboratorio in vitro e in vivo effettuati su matrici cellulari e da test clinici condotti in prestigiosi centri di ricerca internazionali. Si è dimostrato che CG-PTx diminuisce il rilascio di acetilcolina, in modo dose-dipendente, nelle cellule nervose.

Quale funzione svolge l’Octapeptide-11 in CG-Styler 600

L’effetto principale dell’Octapeptide-11 è l’inibizione della biodegradabilità dell’HA da parte dell’enzima ialuronidasi.

Di fatto questo peptide rallenta il riassorbimento del filler a base di acido ialuronico, consentendo una maggiore durata.

Quali caratteristiche presenta l’acido ialuronico presente in CG-Styler 600

L’acido ialuronico presente in CG-Styler 600 presenta le seguenti caratteristiche:

  • ha una concentrazione di 10mg/mL,
  • è ad alto peso molecolare (2,5 Mega Dalton),
  • è cross linkato con PEGDE (polyethylene glycol diglycidyl ether) un polimero che sfrutta una tecnologia brevettata, capace  di rendere l’acido ialuronico biocompatibile, flessibile per le diverse parti del viso e più duraturo.
Differenza tra acido ialuronico ad alto e basso peso molecolare

Un acido ialuronico con tali caratteristiche  consente di:

  • donare compattezza ed elasticità alla cute,
  • stimolare l’incremento, la proliferazione e la migrazione dei fibroblasti,
  • favorisce la neoangiogenesi,
  • accelerare i processi di rigenerazione,
  • trattenere l’idratazione all’interno della cute e non la disperde all’esterno.  
5 1 voto
Valutazione
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
0
Mi piacerebbe avere le tue opinioni, commenta pure.x