Capelli sani e ridensificati con Hydrafacial Keravive: la mia esperienza

Introduzione

Mi sono imbattuta nella dottoressa Sibilla Focchi, medico estetico, cercando su Milano uno studio in cui  eseguissero il trattamento Hydrafacial alla perfezione. E, al nostro primo incontro ho subito capito di essere nel posto giusto. Il trattamento Hydrafacial eseguito a regola d’arte e lei di una professionalità, preparazione e gentilezza straordinaria, mi hanno spinto a provarle altri trattamenti come la carbossiterapia eseguita con tutti i crismi e qualche peeling.

Inoltre è proprio nel suo studio che ho iniziato ad eseguire il massaggio linfodrenante con il metodo Renata França dalla bravissima  Roberta Congiu diventata ormai la mia massaggiatrice di riferimento.

Qualche mese fa, la dottoressa Focchi, proprio mentre stavo eseguendo un trattamento Hydrafacial per il viso che ormai pratico con regolarità, mi aveva informata che dagli USA stavano arrivando dei nuovi booster, Hydrafacial Keravive,  da utilizzare sempre con la stessa macchina, ma da applicare sui capelli, con l’obbiettivo  di migliorane la loro salute  e renderli più folti. Mi sono brillati gli occhi e appena i nuovi booster sono arrivati, ho deciso di provare immediatamente il trattamento Hydrafacial Keravive.

Ma come sempre, prima di raccontarvi la mia esperienza con il trattamento,  cerchiamo di capire cosa è Hydrafacial Keravive e a cosa serve.

Cosa è Hydrafacial

Hydrafacial ampiamente descritto nell’articolo Hydrafacial: trattamento alternativo alle punturine?  è un trattamento non invasivo di pulizia profonda dell’epidermide  che agisce come una idro-dermo abrasione.

E’ considerato uno dei più potenti trattamenti di ringiovanimento non invasivo:

  • aumenta il livello degli antiossidanti,
  • stimola  la produzione dei fibroblasti rendendo la pelle più compatta e tonica.

A seconda dei sieri utilizzati è ideale per:

  • purificare e idratare la pelle in profondità,
  • migliorare l’aspetto dell’acne,
  • prevenire e attenuare le rughe,
  • ridurre le iperpigmentazioni,
  • ridurre l’aspetto dei pori dilatati,

Cosa è Hydrafacial Keravive

Hydrafacial Keravive eseguito con lo stesso macchinario con cui si esegue Hydrafacial per viso collo e decollete,  è un trattamento medico estetico non invasivo, finalizzato a migliorare la salute del cuoio capelluto e dei capelli. 

Perchè è importante la salute del cuoio capelluto?

Il cuoio capelluto può presentare differenti problematiche quali:

  • la disidratazione,
  • la presenza di follicoli ostruiti,
  • la forfora o cute con depositi squamosi,
  • il ridotto flusso sanguigno.

Come osservato nell’intervista LA CADUTA DEI CAPELLI: INTERVISTA ALLA HAIR STYLIST ADRIANA SERRETTI un cuoio capelluto danneggiato è:

  • il principale responsabile del diradamento  e della  caduta dei capelli,
  • di ostacolo alla crescita di capelli sani.

A cosa serve Hydrafacial Keravive

Hydrafacial Keravive serve per migliorare la salute del cuoio capelluto e di conseguenza dei capelli. Con questa tipologia di  trattamento il cuoio capelluto viene:

  • deterso in profondità,
  • stimolato,
  • nutrito,
  • idratato.

Cosa promette Hydrafacial Keravive

Hydrafacial Keravive promette  capelli:

  • più folti,
  • più sani.

Quali sono le problematiche per cui può essere utilizzato Hydrafacial Keravive

Hydrafacial Keravive può essere utilizzato nel caso di:

  • caduta o diradamento dei capelli di varia origine (stress, variazioni ormonali, genetica).  In tale caso può essere utilizzato come terapia complementare prima o dopo altri trattamenti specifici,
  • capelli danneggiati e sfibrati da tinte, extension, utilizzo di phon o piastra,
  • cuoio capelluto secco e squamoso (forfora).

Il trattamento ha lo scopo:

  • preventivo  come cura quotidiana per mantenere capelli e cuoio capelluto sani,
  • complementare alle terapie iniettive: preparando e rendendo  il cuoio capelluto più ricettivo, i risultati  dei trattamenti anti-caduta e di rigenerazione dei capelli risultano più efficaci,
  • adiuvante ai trattamenti più invasivi come il  trapianto di capelli dopo i quali solitamente si consiglia l’utilizzo di prodotti topici e per via sistemica.

Join the discussion 2 Comments

  • FRANCESCA ha detto:

    Interessantissima scoperta, lo metterò senz’altro nella lista dei trattamenti da provare, anche se in realtà ancora non ho testato neppure Hydrafacial (tradizionale), che ho conosciuto proprio grazie al tuo blog. A tal proposito – visto che scrivi che la Dr.ssa Focchi esegue il trattamento “a regola d’arte” – ti chiedo se i risultati di Hydrafacial cambiano a seconda dell’operatore. Sinceramente pensavo che tutto dipendesse dall’apparecchio e dal protocollo. Peraltro (io sono di Firenze) non c’è molta scelta sui medici a cui rivolgersi, insomma non è ancora molto diffuso come trattamento (almeno qui in Toscana). Grazie se potrai rispondermi (e se hai qualche medico da consigliare a Firenze) e complimenti per il tuo stupendo blog, sempre fonte di grandi tentazioni!

    • Faceboost ha detto:

      Carissima grazie per i complimenti. Hydrafacial deve essere eseguito in un determinato modo non lesinando sui prodotti. Se viene ben eseguito è un bellissimo trattamento. A Firenze dovrebbe averlo la dottoressa Pagnini Francesca o il centro Medlight. A presto

Leave a Reply