Retinolo e Retinoidi: differenze e analogie

Introduzione

Spesso mi chiedete quali creme utilizzo nella mia beauty routine. Quando vi racconto che le mie  preferite sono a base di retinolo, mi rendo conto, dalle domande che mi ponete, che rispetto a questa sostanza si tende a fare un pò di confusione e che spesso il retinolo viene confuso con l’acido retinoico. 

Scrivo quindi questo post nel tentativo  di fare chiarezza e di spiegare cosa è il retinolo e che differenza c’è tra retinolo e acido retinoico,  entrambi  forme differenti di Vitamina A e facenti parte della stessa categoria di sostanze, i retinoidi. 

Si tratta di una distinzione fondamentale per capire, a seconda dell’instetismo e del tipo di pelle che ci troviamo a trattare, quale sostanza sia preferibile  utilizzare. 

Il rischio infatti, con questo   genere di sostanze, fondamentali per la salute e la bellezza della nostra pelle,   potrebbe essere quello di utilizzare il primo retinoide che ci capita sottomano e essere costretti a smettere  o perché troppo aggressivo o viceversa troppo blando, sprecando quindi tempo e denaro prezioso.

Come si presenta la Vit A

La vitamina A si presenta in tre diverse forme: 

  • alcolica (retinolo), 
  • aldeidica (retinaldeide), 
  • acida (acido retinoico/tretinoina). 

Ognuna di queste forme ha una diversa applicazione e attività anche se fanno parte dello stesso gruppo di sostanze dette retinoidi. 

Cosa sono i retinoidi

I retinoidi sono una classe di composti chimici che sono chimicamente collegati alla Vitamina A. I retinoidi sono usati in medicina, principalmente per il modo in cui regolano la crescita e la formazione di nuove cellule epiteliali.

Dei  retinoidi fanno parte tutte le sostanze  che possono essere convertite in acido retinoico. 

Che ruolo esercitano i retinoidi sulla pelle

I retinoidi sono sostanze che più di ogni altra  contrastano l’invecchiamento della pelle oltre che ad essere utilizzati in alcune situazioni patologiche. 

Sono  in grado di riattivare l’attività cellulare mediante un processo di stimolazione che comporta  miglioramenti sia a livello:

  • del derma,  
  • dell’epidermide. 

A livello dellepidermide i retinoidi hanno la funzione di:

  • ristabilire l’equilibrio di acqua, lipidi e proteine ripristinando la funzione barriera della cute e riducendone  la sensibilità  
  • stimolare l’esfoliazione superficiale promuovendo il ricambio e il rinnovo cellulare  con conseguente miglioramento della texture della pelle  Accelerano infatti il turnover cellulare riducendolo  a 5/6 giorni dai 28 giorni standard,
  • migliorare il ciclo di maturazione dei cheratinociti (cellule principali della pelle), stimolando la mitosi delle cellule basali, 
  • ridurre  le iperpigmentazioni,
  • migliorare le cicatrici, 
  • inibire la melanina bloccando la produzione della tirosinasi.

A livello  del derma i retinoidi hanno la capacità di:

  • stimolare i fibroblasti in modo tale da indurre  la produzione di collagene ed elastina con conseguente miglioramento della compattezza e dell’elasticità della pelle e riduzione delle rughe sottili,
  • aumentare la presenza di glicosamminoglicani migliorando la naturale idratazione del derma, 
  • migliorare l’angiogenesi (sviluppo di nuovi vasi sanguigni) massimizzando la distribuzione di nutrienti, 
  • bloccare il deterioramento del collagene tramite la soppressione delle metalloproteinasi della matrice e dei collagenasi (enzimi che tagliano i legami peptidici presenti nel collagene).

Sono molti gli studi scientifici (vedi sotto) che supportano l’uso dei retinoidi per invertire i segni dell’invecchiamento che potremmo definire come dei veri riprogrammatori cellulari. 

Quali sono gli inestetismi per i quali possono essere utilizzati i retinoidi?

I retinoidi  possono:

  • aumentare l’elasticità e la tonicità della pelle
  • ridurre i segni dell’invecchiamento fisiologico e fotoindotto migliorando l’aspetto delle rughe sottili e profonde

Miglioramento dell’elasticità  e della tonicità della pelle dopo l’impiego dei retinoidi

 

  • ridurre le cicatrice da acne

Miglioramento delle cicatrici da acne dopo il trattamento con retinoidi

  • controllare  l’acne in fase attiva,

Trattamento dell’acne con retinoidi

  • minimizzare i pori dilatati 

  • ridurre le iperpigmentazioni

Trattamento delle iperpigmentazioni con retinoidi

Join the discussion 10 Comments

  • elisabetta ha detto:

    Buongiorno
    mi puoi consigliare qualche prodotto valido, in alternativa ad obaji.
    Esiste? ti ringrazio moltissimo
    Elisabetta

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Elisabetta. Una buona linea di prodotti è quella dell’Environ reperibile in farmacia. Anche questa linea contiene retinolo. Devi fare un programma che prevede vari step. Solitamente le farmacie spiegano tutto.

  • Anna ha detto:

    Come faccio ad acquistare i prodotti Obagi

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Anna. Nell’articolo c’è scritto. Devi andare sul sito e trovare il medico più vicino a te.

  • Tania ha detto:

    Ciao Michela, scusa la seconda parte Dell articolo sul retinolo, dove ci spiegavi i prodotti che usi o hai usati tu, non lo visto io o non sei ancora riuscita a scriverlo?
    Grazie e buona serata.
    Tania.

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Tania. Hai ragione vi avevo promesso che avrei pubblicato lunedì. Ma ho avuto un lutto in famiglia e non sono riuscita ancora a finire. Domani dovrei farcela.

  • Daniela ha detto:

    Buongiorno Michela, grazie per il post! Le tue spiegazioni sono sempre molto dettagliate e di grande aiuto per capire le differenze tra i vari prodotti
    Conosci la crema della Bonura ( retinolo al 2,5% e vitamina C al 15%), ha un prezzo molto basso!
    Grazie! Daniela

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Daniela. No, questa Bonura non la conosco. Tu ti trovi bene? Grazie !! Ora vado a studiarmela.

  • monica ha detto:

    Buongiorno Michela, ho appena scoperto il tuo blog e me lo sono già salvato tra i preferiti, complimenti perchè è molto interessante e dettagliato. Ti vorrei fare una domanda, perchè a me interessa molto l’argomento retinoidi ma devo studiarmelo bene, ancora non ci ho capito niente 😀 …nell’introduzione tu scrivi che i retinoidi stimolano l’esfoliazione superficiale promuovendo il ricambio e il rinnovo cellulare con conseguente miglioramento della texture della pelle Accelerano infatti il turnover cellulare (eccetera)… in questo articolo pero’ leggo che il retinolo non è un esfoliante. Io ho usato per anni la crema Airol (con ricetta medica), mi ha dato risultati spettacolari ma ho sempre dovuto usare molta cautela perchè era molto “aggressiva”, e questa, se non ho capito male, contiene acido retinoico, giusto? sono passata poi a un prodotto da banco, la redermic R di LaRochePosay (e questa dovrebbe essere retinolo), meno aggressiva della Airol ma comunque mi ha dato buoni risultati. Io ho notato un effetto esfoliante anche nel prodotto piu’ blando, con arrossamenti e pellicine alzate. Quindi ti chiedo conferma se ho capito bene: Airol è esfoliante, Redermic no? grazie e scusa se mi sono dilungata troppo!!! Monica.

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Monica. Grazie per i complimenti. Allora vediamo se riesco a spiegarmi. Il fatto che un retinoide stimoli l’esfoliazione superficiale non lo rende un esfoliante e quindi il prodotto non rientra in questa categoria. Ossia la finalità primaria di un retinoide non è quella di esfoliare la pelle ma di essere un riprogrammatore cellulare. Che poi esfoli anche la pelle è un fattore secondario. Per quanto riguarda i prodotti, Airol è acido retinoico e quindi molto aggressivo, redermic contiene retinolo ad una percentuale molto bassa e per questo ha un’azione più blanda. Spero di avere chiarito i tuoi dubbi. A presto

Leave a Reply