Enerjet 2.0: la bioristrutturazione senza aghi

Sostanze che possono essere utilizzate con Enerjet 2.0, effetti del trattamento sulla cute, zone e inestetismi che possono essere trattati

Quali sono le sostanze che possono essere utilizzate con Enerjet 2.0

Con Enerjet 2.0 è possibile utilizzare qualunque tipo di sostanza (ialuronico, cortisonico, tossina botulinica ecc) ritenuta efficace  per un determinata problematica. L’utilizzo di tale sostanza mediante Enerjet 2.0 permetterà:

  • nel caso venga utilizzato un farmaco, un aumento della superficie di scambio con i tessuti e quindi un assorbimento maggiore della molecola utilizzata,
  • nel caso venga utilizzato acido ialuronico si avranno due vantaggi:
    • il prodotto avrà una maggiore  e migliore diffusione  rispetto al caso in cui, per lo stesso trattamento, venisse utilizzato un ago,
    • una maggiore stimolazione alla produzione di collagene dovuta allo  stimolo meccanico impresso dall’utilizzo di Enerjet 2.0.

E’ importante sottolineare che, nel caso si utilizzino molecole ad alto peso molecolare, come lo ialuronico, è indispensabile, che vengano precedentemente diluite con acqua fisiologica , in una proporzione esatta, stabilita da determinate tabelle. Non  è possibile  somministrare acido ialuronico crosslinkato e quindi lo strumento non può essere utilizzato per eseguire un trattamento a scopo volumizzante.

 Quali sono gli effetti del trattamento sulla cute

La sinergia tra energia cinetica e veicolazione delle sostanze utilizzate comporta, come già sottolineato, un microtrauma controllato che verrà riparato dall’organismo mediante un processo fisiologico di guarigione,  conducendo a:

  • stimolazione e migrazione dei fibroblasti,
  • conseguente produzione di nuovo collagene (collagene 3) ed elastina (da studi istologici).

A questo segue un successivo rimodellamento dei tessuti con successivo loro:

  • rassodamento,
  • idratazione,
  • ricompattamento,
  • ispessimento. 

Possiamo quindi concludere che l’effetto combinato di microtraumi controllati e composti curativi favorisce quindi la generazione di collagene, creando un tessuto dermico più spesso e, correggendo gli inestetismi cutanei, consente  un miglioramento estetico generalizzato. 

Importante sottolineare che Enerjet 2.0 non viene utilizzato con finalità volumizzanti. Quando infatti il trattamento viene effettuato per il ringiovanimento, il prodotto viene sempre somministrato nello spessore della cute  e quindi non può creare volume. 

Quali sono le zone che possono essere trattate con Enerjet 2.0

Con Enerjet 2.0 è possibile trattare:

  • viso,
  • collo,
  • decollètè,
  • mani,
  • tutte le aree del corpo.

Uno studio Clinical results of skin remodeling using a novel pneumatic technology.di Levenberg A, et al., pubblicato su International  Journal of  Dermatology ,  a dicembre 2010  ha dimostrato l’efficacia di tale metodica. 

Quali sono gli inestetismi che possono essere trattati con Enerjet 2.0

Con Enerjet 2.0 possono essere trattate:

  • smagliature rosse e bianche, 
  • rughe del viso, del collo,  del décolleté, codice a barre, rughe perioculari,
  • cicatrici da acne, cheloidee, da cesareo,
  • iperidrosi palmare o plantare.

Pagine: 1 2 3 4 5

Join the discussion 8 Comments

  • Maria Teresa ha detto:

    Quindi serve per la cellulite?

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Maria Teresa. Non credo serva anche per la cellulite anche se si potrebbe pensare di utilizzarlo per fare una mesoterapia. Ma diciamo che non rappresenta la sua indicazione principale . A presto

  • alessandra ha detto:

    Ciao Michela, secondo te, potrebbe servire per tonificare il rilassamento del collo sotto il mento? (leggero)

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Alessandra. Con la metodica si ottiene il ricompattamento della cute dovuta allo stimolo alla produzione di collagene. Ora non so se si riesca ad ottenere un effetto lifting sotto il mento. In quella zona esistono altre metodiche, come Endolift, secondo me più efficaci. Ma se vuoi saperne di più puoi scrivere sul blog direttamente al dottor Tretti. Lui saprà essere più preciso. A presto. Michela

  • Serena ha detto:

    Nel Kinetic Lift, per il trattamento lungo l’attaccatura dei capelli, si intende tutta l’attaccatura, quindi anche dietro l’orecchio, corretto? In questo modo, in teoria, tutto il viso verrebbe “liftato”, ho capito bene?

    Mentre TUTTO il viso, si intende anche la pelle del viso stesso?

    Giusto per individuare il costo da sostenere 🙂

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Serena . Mi sembra che tu abbia capito benissimo. I costi sono quelli. Più o meno. A presto.

  • Bartolucci Laura ha detto:

    Buongiorno, sto in questo momento sostenendo delle sedute di laser C02 per delle cicatrici atrofiche che ho sul viso…. ecco, mi chiedevo in breve, la differenza di Enerjet dal laser C02…. se da risultato migliore e in quanto tempo, se costa meno, se il rossore minore….

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Laura. La scelta tra le due metodiche dipende dal medico che, dopo valutazione, indicherà il più efficace dei due sistemi a seconda dell’entità del problema da trattare. Considera che energetica 2.0 ad oggi, è una metodica utilizzata solo da pochissimi medici e diciamo di rifinitura rispetto ad un laser CO2. Se vuoi potresti chiedere al dott. Tretti, uno dei pochi medici che lo utilizzano, che puoi contattare direttamente da questo blog accedendo alla sua pagina, cliccando sul banner verde “Chiedi alla community dei medici”. Se hai difficoltà chiedi pure

Leave a Reply