Enerjet 2.0: la bioristrutturazione senza aghi

Introduzione

Al congresso Agorà di medicina estetica tenutosi ad ottobre a Milano, la novità più rilevante, almeno dal mio punto di vista, è stata la presentazione di un macchinario, Enerjet 2.0 curata da un medico d’eccezione il dott. Matteo Tretti Clementoni (www.laserplast.org) che chi mi segue conosce benissimo.

Durante la presentazione il dottor Tretti ha esposto in modo egregio  tutte le caratteristiche del macchinario spiegando nel dettaglio che cosa è Enerjet 2.0, a cosa serve e come agisce.

Il dispositivo è distribuito da Enermedica (www.enermedica.it). Al congresso, ho scoperto che proprio Enermedica aveva organizzato, nella settimana successiva all’evento,  un workshop,  in cui, sempre il dottor Tretti, oltre ad illustrare nuovamente le specifiche del macchinario avrebbe anche mostrato  l’applicazione pratica del macchinario  e come avveniva il trattamento su  pazienti aventi differenti inestetismi. Ed essendo proprio questo l’aspetto che mi interessava di più, ho chiesto di partecipare.

Nell’articolo quindi  oltre a raccontarvi cosa è e a cosa serve Enerjet 2.o  potrete quindi vedere anche come viene effettuato il trattamento su vari pazienti aventi problematiche differenti.

Cosa è Enerjet 2.0

Enerjet 2.0 è un dispositivo medico innovativo molto simile ad una grande pistola  mediante il quale è possibile veicolare o somministrare  principi attivi di vario genere nello spessore cutaneo.

Come agisce Enerjet 2.0

Enerjet 2.0 “spara” e diffonde, senza aghi,  ma solo  mediante una potente flusso di energia cinetica, i principi attivi inseriti all’interno della pistola e scelti dal medico in relazione alla problematica da trattare  negli strati più profondi della pelle  e ne  permette una diffusione ottimale.

Di fatto è un sistema di somministrazione di una sostanza senza l’utilizzo di un ago, ma solo attraverso energia cinetica

Quale tecnologia utilizza  Enerjet 2.0

EnerJet 2.0TM, certificato FDA e CE, utilizza un’avanzata tecnologia Jet Volumetric Remodeling (JVR) mediante la quale viene  rilasciata simultaneamente energia cinetica e un determinato  principio attivo che, con danno epidermico minimo, genera un microtrauma profondo, con effetto controllato.

Di fatto il prodotto, un volta  introdotto nella cute, non si  deposita come avviene normalmente utilizzando un ago o una cannula di un qualunque diametro, ma crea migliaia di piccolissimi canali che ne permettono la diffusione in modo uniforme e in tutte le direzioni. Tale effetto di diffusione  è chiamato Blast che significa esplosione. 

Nell’immagine potete notare a sx la modalità di diffusione del prodotto con enerjet 2.0 a dx come si deposita il prodotto con l’utilizzo di un ago.

Infatti è come se il prodotto “esplodesse” all’interno della cute ad una velocità di 150 metri al secondo. L’effetto Blast diffonde i principi attivi nella pelle: 

  • nelle varie direzioni (fino ad arrivare ad 1cm di diffusione),  attorno al punto di ingresso coprendo 100 volte l’area interessata da l’infiltrazione effettuata con un ago da 32G,
  • in modo uniforme.

Potremmo immaginare che la gocciolina del materiale somministrato, funzioni come  che riesce a perforare lo spessore della cute che come ho appena osservato, crea  migliaia di canalini, i quali comportano microdanno ai tessuti . L’organismo,  a seguito di tale microdanno, innescherà il naturale processo riparativo necessario per riparare il danno stesso, il quale  condurrà a produzione massiccia di collagene. 

The courtesy of Matteo Tretti Clementoni, MD

Il video sotto pubblicato illustra l’effetto Blast  e la successiva formazione del collagene.

E’ chiaro che se con Enerjet 2.0 il materiale esplode formando tanti minuscoli canalini, aumenterà molto la superficie di contatto tra ciò che è stato iniettato e il derma rispetto alla superficie di contatto che si ha nel caso in cui sia utilizzato un ago. L’esempio di questo è visibile in questa immagine 

Nell’immagine è possibile notare quante goccioline di materiale sono presenti nella cute trattata

Test di verifica dell’effetto Blast

Per verificare l’effetto Blast,  il dottor Tretti, ha effettuato un test mediante il quale ha iniettato, con Enerjet 2.0, in un pezzo di cotenna di maiale, blu di metilene mescolato ad acqua fisiologica. Il test è visibile nel video sotto pubblicato e la voce che sentite è quella del dottore.

Mediante tale test è stato possibile verificare  che: 

  •  il foro d’ingresso  che si crea è  di 4 mm, e quindi  riesce a chiudersi in circa 4 ore senza comportare quindi rischio di infezioni, 
  • il prodotto si diffonde in modo uniforme e giunge in profondità, confermando l’effetto blast.

La modulabilità del trattamento con Enerjet 2.0 

Il trattamento con Enerjet 2.0 è modulabile. L’operatore potrà decidere: 

  • la profondità  a cui far arrivare il materiale nello spessore cutaneo (6 mm e oltre),
  • la pressione da imprimere che determinerà la profondità e la lunghezza dei canali che si formeranno nello spessore cutaneo. La pressione stabilita dipenderà dallo spessore della pelle da trattare che dovrà essere tanto inferiore quanto più è sottile la cute,
  • la quantità di materiale da somministrare che dipenderà dalla problematica da trattare.

Join the discussion 8 Comments

  • Maria Teresa ha detto:

    Quindi serve per la cellulite?

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Maria Teresa. Non credo serva anche per la cellulite anche se si potrebbe pensare di utilizzarlo per fare una mesoterapia. Ma diciamo che non rappresenta la sua indicazione principale . A presto

  • alessandra ha detto:

    Ciao Michela, secondo te, potrebbe servire per tonificare il rilassamento del collo sotto il mento? (leggero)

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Alessandra. Con la metodica si ottiene il ricompattamento della cute dovuta allo stimolo alla produzione di collagene. Ora non so se si riesca ad ottenere un effetto lifting sotto il mento. In quella zona esistono altre metodiche, come Endolift, secondo me più efficaci. Ma se vuoi saperne di più puoi scrivere sul blog direttamente al dottor Tretti. Lui saprà essere più preciso. A presto. Michela

  • Serena ha detto:

    Nel Kinetic Lift, per il trattamento lungo l’attaccatura dei capelli, si intende tutta l’attaccatura, quindi anche dietro l’orecchio, corretto? In questo modo, in teoria, tutto il viso verrebbe “liftato”, ho capito bene?

    Mentre TUTTO il viso, si intende anche la pelle del viso stesso?

    Giusto per individuare il costo da sostenere 🙂

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Serena . Mi sembra che tu abbia capito benissimo. I costi sono quelli. Più o meno. A presto.

  • Bartolucci Laura ha detto:

    Buongiorno, sto in questo momento sostenendo delle sedute di laser C02 per delle cicatrici atrofiche che ho sul viso…. ecco, mi chiedevo in breve, la differenza di Enerjet dal laser C02…. se da risultato migliore e in quanto tempo, se costa meno, se il rossore minore….

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Laura. La scelta tra le due metodiche dipende dal medico che, dopo valutazione, indicherà il più efficace dei due sistemi a seconda dell’entità del problema da trattare. Considera che energetica 2.0 ad oggi, è una metodica utilizzata solo da pochissimi medici e diciamo di rifinitura rispetto ad un laser CO2. Se vuoi potresti chiedere al dott. Tretti, uno dei pochi medici che lo utilizzano, che puoi contattare direttamente da questo blog accedendo alla sua pagina, cliccando sul banner verde “Chiedi alla community dei medici”. Se hai difficoltà chiedi pure

Leave a Reply