Il filler a base di tessuto adiposo: Renuva Allograft Adipose Matrix

E’ ormai appurato: la medicina rigenerativa rappresenta il futuro.

Essa si pone come obiettivo principale la riparazione di organi e tessuti danneggiati da eventi patologici, invecchiamento o traumi, in maniera da ripristinarne o migliorarne il loro funzionamento biologico mediante  strategie mediche quali  fattori di crescita, supporti biologici e sintetici (scaffold) e utilizzando lo straordinario potenziale di un particolare tipo di cellule: le cellule staminali

Gli studi hanno dimostrato che il tessuto adiposo, ossia il nostro grasso, rappresenta una risorsa notevole da cui poter estrarre le cellule staminali mesenchimali adulte da utilizzare per rigenerare i tessuti.

Lo scopo è quello di restituire funzione e integrità a tessuti danneggiati, attraverso l’impiego di quello che il nostro stesso corpo produce.

Tanto è vero che anche agli ultimi congressi ai quali ho partecipato vi sono ormai intere sezioni dedicate al trasferimento di tessuto adiposo.

I campi di applicazione sono molto vasti e i risultati talmente incoraggianti che  negli USA è da poco entrato in commercio un filler, Renuva Allograft Adipose Matrix , a base di  tessuto adiposo umano prodotto da MTF (Musculoskeletal Transplant Foundation) Biolocigs www.mtfbiologics.org., un’organizzazione statunitense senza scopo di lucro, con sede nel New Jersey, fondata da un gruppo di chirurghi,  che ha come obiettivo quello di fornire tessuti e organi clinicamente sani, sicuri e di alta qualità da utilizzare nei trapianti. Di fatto MFT è la più grande banca di tessuti e di organi del mondo. Fin dalla sua istituzione nel 1987, l’organizzazione ha ricevuto tessuti da oltre 130.000 donatori e e ne ha forniti  8,4 milioni, che sono stati  utilizzati nei trapianti.

Ma vediamo di capire cosa è Renuva.

Renuva è un  filler iniettabile. E’ composto da grasso umano prelevato da  donatore (non e’ chiaro se si tratti di donatori viventi o cadaveri: in alcuni studi si parla di grasso prelevato da cadavere in altri si fa riferimento ad un generico “human donator” e anche nel sito della MTF biologica non si specifica chi sia il donatore), il quale viene processato,  sterilizzato e sottoposto a screening secondo gli standard FDA di sicurezza e qualità. Elaborazione e test avanzati assicurano che il tessuto adiposo trattato è sano e sicuro. Il processo di selezione dei donatori di MTF, progettato da medici esperti, garantisce la massima qualità e sicurezza del prodotto.

Il trattamento con Renuva  rappresenta  un’alternativa ad un trapianto di grasso autologo (lipofilling) ma non necessita di  liposuzione. Infatti il trattamento con Renuva è ambulatoriale e non richiede nè anestesia né sedazione.  Può essere quindi utilizzato da chi:

  • non può o non vuole essere sottoposto a procedura di liposuzione,
  • non è dotato di  quantità sufficienti di tessuto adiposo.

Serve per trattare e correggere inestetismi e difetti dei tessuti molli che si possono presentare in  piccole aree sia del viso che del  corpo.

Non è un semplice riempitivo ma, una volta iniettato  nelle sedi in cui già esiste del grasso nativo, stimola il ricevente a “produrre grasso” autologo. E poiché Renuva è costituito da cellule umane adipose, l’organismo lo considera come parte del proprio  tessuto naturale, creando un’impalcatura in cui le cellule adipose possono accrescersi. Possiamo definirlo un prodotto ad azione bioinduttiva.

Quindi Renuva  può essere utilizzato per:

  • ripristinare i volumi perduti del viso, delle mani o  di altre parti del corpo, 
  • riempire le rughe e ridurre la microrugosità,
  • migliorare l’aspetto della pelle aumentandone la  compattezza e la tonicità,
  • ridurre gli esiti da liposuzioni mal eseguite,
  • riempire i “buchetti” della cellulite,
  • il ringiovanimento vaginale e dei genitali esterni.

Inoltre, poiché il suo scopo è quello di rigenerare i tessuti Renuva è impiegato con successo non solo in campo estetico ma anche:

  • nel caso di ulcere,
  • nel piede diabetico,
  • per migliorare le  cicatrici depresse.
  • nelle irregolarità che possono presentarsi dopo interventi al seno, sia nel campo della  chirurgia ricostruttiva che in quella estetica 

 Renuva è approvato  FDA ed è quindi testato e considerato sicuro ed efficace.

Dopo il trattamento i risultati sono pressoché  immediati anche se, per un effetto completo e definitivo, sarà necessario attendere almeno tre mesi, il tempo necessario affinché il prodotto abbia completato la sua funzione, ossia quella di  stimolare  la produzione di nuovo tessuto adiposo.

L’effetto del trattamento ha una durata di:

  • 12 mesi circa per il viso,
  • 36 mesi circa  se utilizzato sul corpo

Effetto del trattamento con Renuva su cicatrici depresse

Renuva è fornito in siringhe pre-riempite (da 1,5 e e 3 cc ). all’interno delle quali è presente tessuto adiposo disidratato che deve essere ricostituito con acqua fisiologica.  Viene iniettato con un ago molto sottile,  come un  filler, e gli effetti collaterali,  analoghi a quelli che si possono avere con una analoga  terapia iniettiva, possono riguardare.

  • rossore,
  • gonfiore che può perdurare anche per una settimana dopo il trattamento,
  • ematomi.

La tabella mostra come non via sia differenza tra il nostro grasso, ottenuto tramite lipoaspirazione, e Renuva dal punto di vista dell’adipogenesi e dell’angiogenesi

I vantaggi di  Renuva  rispetto alla procedura di lipofilling sono:

  • assenza di tempi di recupero,
  • velocità della procedura che non richiede nè anestesia nè comporta dolore post-operatorio.

Il lipofilling  rimane comunque un’alternativa più adeguata se si ha a che fare con problematiche riguardanti aree come i glutei o il seno, che richiedono grandi volumi di tessuto adiposo tipo.

Il numero delle sedute  e la quantità di prodotto da utilizzare, dipende dall’effetto che si vuole ottenere e dall’inestetismo del paziente.

Negli Usa Renuva ha un costo medio  per  applicazione, con 1,5 cc di prodotto, di circa $ 800.

Insomma,  mi sembra di capire che si tratta di un prodotto molto innovativo e unico nel suo genere, oserei dire  rivoluzionario. Io appassionata di lipofilling (ho effettuato Lipogems già due volte con risultati strabilianti) spero solo che arrivi presto anche in Italia. Mi auguro solo che la legislazione europea permetta l’importazione e la  distribuzione di prodotti di questo tipo. Speriamo proprio di sì perchè sarebbe davvero una grande innovazione e consentirebbe benefici non solo in campo estetico, ma anche in patologie in cui l’innesto di grasso rappresenta un valida opportunità terapeutica e non sempre è possibile effettuarlo per mancanza di materia prima. Sempre che sia sicuro davvero come dicono.

Non resta che aspettare e sperare …..

Pubblicazioni scientifiche su Renuva Allograft Adipose Matrix:

Preclinical Optimization of a Shelf-Ready, Injectable, Human-Derived, Decellularized AllograftAdipose Matrix.

Giatsidis G, Succar J, Haddad A, Lago G, Schaffer C, Wang X, Schilling B, Chnari E, Matsumine H, Orgill DP.

Tissue Eng Part A. 2018 Oct 16

Tissue Augmentation with Allograft Adipose Matrix For the Diabetic Foot in Remission.

Shahin TB, Vaishnav KV, Watchman M, Subbian V, Larson E, Chnari E, Armstrong DG.

Plast Reconstr Surg Glob Open. 2017 Oct

Preparation and characterization of acellular adipose tissue matrix using a combination of physical and chemical treatments.Song M, Liu Y, Hui L. Mol Med Rep. 2018 Jan;17

Join the discussion 5 Comments

  • Silvia ha detto:

    Ciao Michela questo filler sembra veramente una rivoluzione!!! Sai indicativamente quando potrebbe arrivare in Italia?

    • Faceboost ha detto:

      Cara Silvia. Sembra davvero rivoluzionario. Ma chissà se la legislazione vigente ne permetterà l’importazione. Speriamo…. E soprattutto speriamo che sia così sicuro come dicono.

  • Faceboost ha detto:

    Questo articolo ha incuriosito molto. La maggior parte dei medici ed esperti del settore non ne conoscevano neppure l’esistenza. Riporto quanto ha commentato su Facebook il Prof. Tremolada uno dei maggiori esperti di medicina rigenerativa, ideatore del Lipogems ” Cara Michela, è un prodotto fatto dalla rete di collagene che costituisce l’ impalcatura del nessuno adiposo. Non ha nulla a che fare con il lipofilling e ricorda più i primi prodotti al collagene… tutto dipende dalla tecnica di produzione della Banca dei tessuti…se sono riusciti a mantenere i fattori di crescita proteici naturali potrebbe essere interessante altrimenti molto meno. Mi informo al Congresso di Las Vegas del 14/15 dicembre anche perchè conosco bene il presidente della MFT…” Questo è quanto.

  • Silvia ha detto:

    Grazie Michela, teniamoci aggiornate 🙂

Leave a Reply