La blefaroplastica ed interventi chirurgici per il ringiovanimento dello sguardo: intervista alla dottoressa Lia Lavagno

Posizionamento delle cicatrici nella blefaroplastica superiore ed inferiore, blefaroplastica transcongiuntivale

Dove sono posizionate le cicatrici nella blefaroplastica inferiore?

Nella blefaroplastica inferiore  l’eccesso di grasso e di pelle viene eliminato  attraverso un’incisione praticata subito sotto le ciglia. Le cicatrici quindi sono poste sotto il margine ciliare inferiore e saranno nascoste completamente dalle ciglia.

Blefaroplastica per via esterna

Dove sono posizionate le cicatrici nella blefaroplastica superiore?

Nella blefaroplastica superiore le cicatrici saranno poste nella piega palpebrale superiore. Le incisioni dovranno essere praticate in modo tale che la cicatrice risulti posizionata nella piegolina che si forma sopra la palpebra quando l’occhio è aperto.

Vorrei sottolineare un aspetto molto importante riguardante gli esiti cicatriziali relativi a questo tipo d’intervento che può rassicurare i pazienti. La pelle delle palpebre cicatrizza molto bene e velocemente e le cicatrici, ben posizionate, diventano invisibili con il tempo in tutti i soggetti. Pensate  che già dopo 5 giorni quando vengono tolti i punti la palpebra  risulta perfettamente cicatrizzata. E dopo un mese le cicatrici quasi invisibili. E’ chiaro che poi il processo di riparazione della cute avverrà nel tempo e si concluderà nei 12 mesi successivi.

Blefaroplastica superiore

Che cosa si intende per blefaroplastica transcongiuntivale ?

Questa tecnica di blefaroplastica inferiore consiste nella rimozione solo delle borse adipose inferiori tramite una incisione della congiuntiva interna alla palpebra inferiore, attraverso la quale è possibile eliminare l’eccesso di grasso senza cicatrici cutanee esterne.

Nella blefaroplastica transcongiuntivale quindi,  le incisioni,  essendo eseguite all’interno della congiuntiva,  non saranno visibili dall’esterno.

La tecnica della blefaroplastica transcongiuntivale è indicata per le persone che:

  • hanno solo eccesso di grasso senza eccesso di cute, 
  • nessuna necessità di rimodellamento del muscolo.

Blefaroplastica transcongiuntivale

Questa tecnica non è tuttavia indicata per i pazienti che

  • presentano un eccesso di pelle intorno alle palpebre perché questo tipo di inestetismo può essere eliminato solo con la blefaroplastica tradizionale,
  • presentano borse adipose eccessivamente voluminose perché altrimenti, una volta tolto il grasso, si potrebbe avere l’effetto “sacchetto vuoto” con conseguente eccesso di cute e  rughe.

E’ un’intervento da valutare molto attentamente e risulta indicato per una percentuale ridotta di pazienti.

I vantaggi della transcongiuntivale sono:

  • assenza di cicatrici,
  • totale assenza del rischio di arrotondamento dell’occhio che talvolta accompagna la tecnica con l’incisione esterna sottociliare.

Join the discussion 17 Comments

  • Bianca ha detto:

    ciao Michela

    ti vorrei riportare la mia esperienza con la blefaro sup fatta nel luglio dell’anno scorso, anche in relazione a quanto detto nel post.
    Ho lacrimato tantissimo fino a che non mi hanno tolto i cerotti e nel frattempo e anche dopo mettevo lacrime artificiali.
    Non sono diventata cieca, ma ho avuto per circa un mese e forse più un calo della vista all’occhio destro. Da un giorno all’altro riacquistata per miracolo. Non so cosa sia successo…
    Mi hanno dato una crema da spalmare molto delicatamente sulle cicatrici, che non si trovano solo sulla piega della palpebra (quindi invisibili) ma anche all’angolo dell’occhio (quindi ancora visibili e un po’ doloranti se premo).
    Quanto al lifting del soppraciglio, avevo richiesto al medico un rialzo del soppraciglio, ma – per sua stessa ammissione – non ci sono stati risultati perchè per alzarlo non c’era sufficientemente spazio.

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Bianca. Anche io riporterò la mia esperienza, diversa dalla tua. Io all’angolo dell’occhio, ad esempio, non ho nessuna cicatrice. Poi posterò foto. E questa cosa del sopracciglio non la capisco…..Chiederò…..

    • Bianca ha detto:

      quello che mi è stato fatto è un lifting che ha “tirato” la fronte in linea col soppracciglio. Ovvio che non si potesse “tirare” all’infinito… pena l’impossibilità di chiudere gli occhi.

    • Faceboost ha detto:

      Certo Bianca. Ora ho capito. Ma ha effettuato un lifting endoscopico o il taglio all’attaccatura dei capelli? O sopra il sopracciglio?

    • Bianca ha detto:

      taglio all’attaccatura dei capelli (ben nascosto)

    • Faceboost ha detto:

      Il modo migliore per effettuarlo se ci sono le condizioni e l’indicazione…Sul sopracciglio rischia di vedersi la cicatrice

    • Bianca ha detto:

      oggi un chirurgo a cui mi sono rivolta per farmi togliere la protesi al mento mi ha detto che per rialzare il soppraciglio lui usa un’altra tecnica anche se non ho capito bene il nome. Il suo è stato un intervento non richiesto su una questione che non lo riguardava. Per la protesi mi ha consigliato di fare delle iniziezioni a base di cortisone per ridurre la capsula. Tu l’hai mai sentito? Scusa l’off topic…

    • Faceboost ha detto:

      Forse ti ha parlato di lifting endoscopico. Gennai Alessandro lo utilizza e forse addirittura è stato l’ideatore di questa tecnica. Il cortisone viene infiltrato per ridurre l’infiammazione. Si fa anche sulle cicatrici. A volte lo si infiltra anche nelle aree dove si hanno granulomi da filler. Deve essere chiaramente ben dosato e infiltrato in dosi infinitesimali perchè potrebbe danneggiare i tessuti creando atrofia tissutale.

    • Bianca ha detto:

      grazie delle info. Mi chiedo in quanti conoscono questa tecnica…

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Bianca. Il problema non è se la conoscono. E’ se la sanno fare!!! Gennaio di certo la conosce e sa anche farla. A presto

    • Bianca ha detto:

      caspita, ho recepito!

    • Faceboost ha detto:

      Si fa presto a dire blefaroplastica…..

  • victoriaalmonte ha detto:

    Vorrei associarmi. Gradirei chiarimenti. Graziehttps://www.vetbizresourcecenter.com/

    • Rossella ha detto:

      Ciao Michela, sulla base della tua esperienza e considerata la centralità dell’occhio per la bellezza del volto, tu quale chirurgo ti sentiresti di consigliare? La dottoressa Lavagno è la più brava in questo tipo d’intervento?

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Rossella. La dottoressa Lavagno è sicuramente molto brava nella blefaroplastica. Se sia la più brava in assoluto questo non lo so. Diciamo che tra i chirurghi che ho conosciuto la giudico tra le più capaci, con senso estivo, onesta e cauta. Mi sembrano doti molto importanti per un chirurgo. A presto. Michela

    • Rossella ha detto:

      Grazie mille…quanto prima faro una capatina dalla dott.ssa Lavagno!

    • Faceboost ha detto:

      Grazie a te, carissima. Poi fammi sapere com’è andata

Leave a Reply