La gluteoplastica: intervista al dott. Nicola Monni

Immagini di interventi di gluteoplastica eseguiti dal dott. Nicola Monni

 

Immagini prima (sx) e dopo (dx) intervento di gluteoplastica

 

Le mie considerazioni

Devo dire la verità sulla gluteoplastica non ero assolutamente aggiornata. Ero rimasta agli anni ’90 in cui si considerava questo tipo di intervento molto rischioso e di appannaggio esclusivo dei transessuali. Ricordo un caro amico, chirurgo plastico, che all’epoca ne operava parecchi e mi raccontava dell’elevata percentuale di complicanze a cui andavano incontro oltre al frequente verificarsi di  rottura delle protesi. Spesso era costretto a correre in clinica per “ripulire” il silicone che fuoriusciva dalle protesi e che si spandeva in aree circostanti.

Invece a sentire il dott. Monni, attualmente, mi sembra sia davvero cambiato tutto e che l’intervento sia sicuro oltre a consentire ottimi risultati senza particolari rischi o complicanze.

L’unico aspetto che mi sembra di capire è che le/i candidati alla gluteoplastica  devono essere soggetti abbastanza giovani, dal momento che, per la buona riuscita dell’intervento, è importante che la pelle sia ancora  tonica. Ed è abbastanza chiaro che sia così: nel caso di pelle lassa la protesi inserita, tendendo a pesare, trascinerebbe  in basso i tessuti. E’ lo stesso problema che si ha nel seno, tanto è vero che, in caso di pelle cadente, si è costretti ad effettuare, oltre all’inserimento della protesi, anche la mastopessi (lifting del seno) che permette di togliere la pelle in eccesso. Quindi per quanto mi riguarda, ormai credo che di non potermi più permettere un intervento di  questo tipo. Peccato. Perchè a vedere dai risultati verrebbe proprio voglia di dare “una rinfrescatina”  anche ai glutei.

E, come direbbe mio marito, almeno questo  ce lo siamo risparmiato…..

 

Join the discussion 4 Comments

  • Bianca ha detto:

    🙂
    Anch’io tempo fa mi ero informata per i miei glutei, così semplici letture…
    Inserimenti in silicone no assolutamente, visto che la protesi al mento la sento ancora a distanza di oltre un anno. In generale non sono favorevole alle protesi…
    L’altra possibilità era il lifting, ma poi c’ho ripensato: soldi risparmiati!

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Bianca. A me le protesi al seno non danno alcun fastidio. Sono morbidissime e non mi sembra neppure di averle. Da quello che mi ha raccontato il dot. Monni dovrebbe essere una cosa analoga anche per i glutei. Ma ormai, almeno per me, il treno è passato ed il lifting di glutei ho visto che lascia delle cicatrici abbastanza evidenti. Quindi non resta che fare tanta attività fisica e ogni tanto, eventualmente, lipofilling con ialuronico, come ho fatto quest’inverno.

    • Bianca ha detto:

      alla fine è tutta salute… 😉

    • Faceboost ha detto:

      YESSSSS

Rispondi