Filtri solari chimici e fisici: la crema solare Staminalis Anti-age

Introduzione

Siete già partite per il mare e avete già acquistato le vostre creme protettive? Se ancora non  lo aveste fatto voglio consigliarvi un crema solare, Staminalis anti-age, della Glass Onion ( www.glassonion.it) che ho trovato molto valida, nonostante il mio scetticismo iniziale.

Come sapete sono assolutamente convinta dell’importanza di proteggersi adeguatamente dal sole per evitare di ritrovarsi con una pelle precocemente invecchiata. Sebbene infatti il sole abbia innumerevoli effetti benefici, è ormai noto e assodato che se non osserviamo alcune semplici regole e cautele durante l’esposizione solare e non ci proteggiamo in modo corretto, i raggi UVA e UVB possono accelerare l’invecchiamento cutaneo (photoaging), comportando  una  riduzione dell’elasticità dei nostri tessuti, oltre che causare danni ben peggiori di quelli semplicemente estetici. Per contrastare tale processo, diventa quindi di fondamentale importanza proteggere la nostra pelle non solo d’estate, ma anche in inverno, con creme ad hoc. I prodotti  solari rappresentano infatti per la pelle la più importante arma di difesa nei confronti del sole.

Le regole generali da seguire per abbronzarsi in modo corretto, già espresse nell’articolo Operazione tintarella: qualche consiglio per abbronzarsi in modo corretto possono essere così riassunte:

  • utilizzare una crema protettiva con fattore di protezione non inferiore a 50 per il viso, collo e décolleté soprattutto all’inizio, quando la pelle non è ancora abbronzata, dopodichè si potrà scendere ad un fattore protettivo 30. La crema andrà applicata SEMPRE per tutto il periodo in cui ci esponiamo al sole. Il fattore di protezione potrà variare in relazione alla carnagione di ognuno (fototipo), ma dovrà essere tale da far sì che la pelle non si arrossi mai. Per il corpo si può utilizzare un fattore di protezione inferiore: da 20 a 30, da scegliere sempre in relazione alla carnagione di ognuno di noi,
  • non utilizzare mai creme rimaste dall’estate precedente. Si ossidano e non sono più efficaci,
  • la crema deve essere applicata 15 minuti prima dell’esposizione al sole e deve essere riapplicata ogni due ore e sempre dopo aver fatto il bagno. Non esistono creme che siano completamente resistenti all’acqua,
  • la protezione solare va applicata non solo quando ci esponiamo volontariamente al sole, ma anche quando stiamo all’aperto. In questo caso è sufficiente un fattore di protezione 30 e sarebbe meglio utilizzare una crema che non debba essere riapplicata ogni due ore. Infatti solitamente al mare siamo senza trucco e riapplicare la crema diventa semplice, molto più complicato invece dover stendere nuovamente la protezione sopra il trucco, 
  • anche in inverno la protezione solare non dovrebbe mai mancare e può essere sufficiente un fattore di protezione 15/20. Nel caso in cui si abbiano problemi di lentigo solari, di melasma o cloasma, o la pelle sia stata sottoposta a trattamenti laser, allora sarà necessario utilizzare una crema con fattore di protezione 50 anche in inverno,
  • evitare il sole nelle ore più calde dalle 12 alle 16. Indossare sempre occhiali da sole e utilizzare sempre un cappello quando si passeggia.

Join the discussion 13 Comments

  • Elena Perelli Fiocchi ha detto:

    Buongiorno GentileSignora Taccola . Leggo sempre le sue mail , e mi domandavo dove si possono acquistare queste creme solari di cui sopra . La ringrazio se vorrà rispondermi e la saluto caramente , complimentandomi moltissimo per la sua utile rubrica ELENA Fiocchi Perelli

    • Faceboost ha detto:

      Carissima Elena, diamoci pure del tu. Ti ringrazio per i complimenti. Allora la crema in questione puoi acquistarla direttamente. O sul blog, cliccando sulla prima immagine che trovi nell’articolo, o sul sito http://www.glassonion.it a cui puoi accedere direttamente, sempre dall’articolo, cliccandovi sopra . Poi fammi sapere come ti sei trovata. A presto e grazie ancora

    • Silvia ha detto:

      ho notato che questa crema contiene interferenti endocrini, come quasi tutte le creme che contengono filtri chimici. Io uso solo filtri fisici.

    • Faceboost ha detto:

      Silvia ciao. Hai ragione. I filtri fisici però purtroppo hanno il problema che sono troppo bianchi e hanno una capacità protettiva inferiore. E’ per questo che io preferisco quelli chimici. Tra l’altro, se in nanoparticelle, procedimento che li rende più facilmente spalmabili, possono penetrare in profondità e causare tra i vari problemi, anche una grave forma di alopecia.

  • Elena Fiocchi Perelli ha detto:

    Dove si trovano queste creme solari ? Io sono di Milano centro

  • Bianca ha detto:

    Ciao Michela, ma alla fine con questa crema sei riuscita ad abbronzarti? Causa melasma vorrei tanto una crema che lo impedisca, ma purtroppo diventa difficile sopratutto quando si fa snorkeling…

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Bianca. Io mi abbronzo poco. Oltre alla crema metto il cappello. Ma non faccio ssnorkeling. Effettivamente quando vado in barca la questione si complica, perché faccio un sacco di bagni. Del resto non concepisco il mare senza bagno. Se no che mare è? E capita che alla fine un po’ mi abbronzo. Nonostante occhiali, cappello, crema riapplicata ogni ora. Il mio marito mi dice che sembro una matta. Ma del resto se no che senso ha fare i trattamenti se poi si sta al sole come una lucertola ? Quindi capisco che anche te facendo snorkeling tu abbia difficolta a proteggerti. A presto cara

    • Bianca ha detto:

      si, anch’io ho sempre il cappello 365 gg l’anno (anche per ragioni estetiche), la crema (marca spagnaola con protezione 100+) la metto prima di arrivare in spiaggia e quando torno dal bagno mi metto su uno scoglio all’ombra o mi giro prona.
      Ma quando sto molto a bagno (circa 2 ore) ovvio che la crema mi va via… E dopo qualche gg di mare il melasma ha preso colore, come un vampiro che esce dalla tomba…

    • Faceboost ha detto:

      Tu Cara Bianca usi la Isdin fattore 100. Io l’ho provata ma fa troppo effetto maschera. E comunque, anche a te, mio marito direbbe quello che dice a me . Che sono matta e fissata !!! Meglio matta e fissata che con la pelle incartapecorita, macchiata e magari anche con qualcosa di più grave. Non ti pare?

    • Bianca ha detto:

      eh… lui mica si è liftato!
      Dopo l’operazione avevo chiesto alcuni consigli al chirurgo per mantenere la pelle più giovane e la prima cosa che mi ha detto è stata quella di proteggermi dal sole. La sua socia lo faceva 365 gg l’anno.
      Tanti prodotti fanno l’effetto maschera bianca. La Isdin forse è quella che lo fa meno. Penso cmq che consenta la protezione.
      La crema di cui parli l’hai mai provata sotto il fondotinta?

    • Faceboost ha detto:

      Infatti, non solo non si è liftato, ma è anche contrario a tutti questi trattamenti!!! La Isdin è un’ottima marca di cui anche io, prima di provare la crema Staminalis , ho utilizzato un gel. La crema dell’articolo è troppo “pesante” e secondo me non va bene da mettere sotto il fondotinta, anche se non ho mai provato. Ti consiglio, in sostituzione del fondotinta, da applicare sopra la tua crema abituale, la oclipse Smart tone di Obagi. Ha protezione 50 e dura circa6/8 ore.

    • Bianca ha detto:

      ok, terrò presente. Grazie.
      Ah a proposito di tuo marito… sarà contrario a tutti i ns. trattamenti ma non a una moglie di 50 che ne dimostra 30-35 😉

    • Faceboost ha detto:

      Prego cara Bianca. E su mio marito hai proprio ragione. Pretende il risultato senza i suoi effetti collaterali

Leave a Reply