Radiesse: il filler per il ringiovanimento delle mani e del viso

Introduzione

Nell’articolo  I trattamenti per il ringiovanimento delle mani: il peeling Enerpeel Hands vi avevo raccontato che la pelle delle mani, come quella del contorno occhi, del collo e delle labbra, risente di più del passare  del tempo e invecchia più velocemente della pelle del resto del corpo e i motivi per cui questo accade sono più o meno gli stessi per ognuna di queste zone (pelle sottile e priva di grasso).

Sempre nello stesso articolo vi avevo anche indicato  i trattamenti di medicina estetica che possono essere effettuati nel caso in cui le mani risultino svuotate e rugose.

Si tratta di metodiche generalmente  volte a stimolare la pelle a produrre collagene elastina ed acido ialuronico, che, comportando un aumento dello spessore del derma, rendono  la pelle meno sottile e più “rimpolpata”.

I trattamenti più efficaci per le mani si basano sull’impiego di:

  • prodotti  biostimolanti o biorivitalizzanti cutanei, gli stessi utilizzati per il viso, collo e decollete di cui ho ampiamente parlato nell’articolo Curare la pelle con i trattamenti di medicina estetica con i quali  si effettuano tante piccole iniezioni superficiali sul dorso  della mano utilizzando:

prodotti specifici  di sintesi, più o meno gli stessi che vengono utilizzati anche per la biostimolazione del viso, a base di aminoacidi, vitamine, acido ialuronico fluido (per idratare), polineuclotidi  (vedi articolo LA BIORIVITALIZZAZIONE CON PLACENTEX) per la sua capacità di stimolare i fibroblasti,

PRP (platelet rich plasma) un tipo di biostimolazione autologa che consiste nell’impiego del sangue  prelevato dallo stesso paziente. Le PRP si ottengono infatti attraverso un procedimento di   centrifugazione  del sangue del paziente che consente di separare le piastrine dalle altre componenti di cui il  sangue è costituito  e di ottenere un prodotto ad alta concentrazione piastrinica (una sostanza giallastra). Le piastrine così  ottenute,  immediatamente  iniettate nelle mani del paziente o nelle zone che necessitano di una stimolazione (viso, collo, décolleté), elaborano, immagazzinano e rilasciano vari fattori di crescita che stimolano ed accelerano i processi di guarigione e rigenerazione dei tessuti;

  • alcuni tipi di peeling soprattutto quelli a base di acido tricloroacetico, come quello da me effettuato e di cui parlo nell’articolo I trattamenti per il ringiovanimento delle mani: il peeling Enerpeel Hands , che stimolano nel tempo la produzione di collagene, a cui segue un “ricompattamento” della pelle,
  • alcuni prodotti volumizzanti come  il Radiesse, che, oltre a conferire un effetto volumizzante, efficace e duraturo, stimola la produzione naturale di collagene.

Ed è proprio del Radiesse che voglio parlarvi.

Pagine: 1 2 3 4 5

Join the discussion 12 Comments

  • Luigi ha detto:

    Ciao Michela e per prima cosa grazie per il tuo sito ricchissimo di informazioni per i vari trattamenti…è stato utilissimo per me…ora riguardo al Radiesse vorrei chiederti è possibile farlo con il.botox o bisogna farlo separatamente? Grazie un abbraccio

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Luigi. Grazie per i complimenti. Allora il radiesse, come del resto lo ialuronico, si può effettuarli nella stessa sessione del Botox, ma solo se vengono trattate zone diverse del volto. Ad esempio Botox nella fronte e Radiesse nella mandibola. Grazie a te. A presto.

  • Laura ha detto:

    Ciao Michela 🙂 Io sono una fan di Radiesse, a gennaio farò il terzo trattamento per risollevare i contorni del viso ed accentuare gli zigomi. L’aspetto é decisamente naturale, nessun livido (la manina del mio chirurgo, KOL per il metodo in Italia). Inoltre la struttura della pelle è decisamente migliorata nel tempo. Trovo una netta differenza con lo ialuronico, sia per risultato sia per la durata del trattamento. A gennaio credo che farò anche il Botox sulla fronte, nella ruga centrale tra gli occhi diciamo. Non vedo l’ora 🙂

    • Faceboost ha detto:

      Benissimo Laura. Anche a me il radiesse piace come effetto. Iperdiluito, tra l’altro, è un ottimo biostimolante e migliora molta la texture della pelle e la microrugosità. Certo va saputo utilizzare bene altrimenti può creare più problemi di uno ialuronico. Per il botox fai benissimo. Io sono una sua fautrice. Fosse possibile lo farei ovunque. E’ sicuro, rapido, efficace, non ha effetti collaterali. Ha un unico difetto: dura troppo poco. A presto

  • Laura ha detto:

    Quanto dura più o meno il botox?

  • maria Aurelia lucchese ha detto:

    Anch’io mi sono sottoposta a radiesse per volumizzare il viso in quanto non ero una buona candidata per il lipofilling e, devo dire che il risultato mi piace tanto, anche se molti medici demonizzano il Radiesse in quanto porta alla produzione di collagene di tipo 1, anelastico e che viene prodotto dalla pelle delle persone anziane. Mi chiedevo se è vero che i risultati di Radiesse sono più duraturi dello ialuronico (circa 12 – 18 mesi) e se la ginnastica facciale che pratico quotidianamente, possa accelerarne il riassorbimento, così come mi è successo con i filler a base di ac. ialuronico. Grazie.

    • Faceboost ha detto:

      Ciao Aurelia tutti i filler portano alla produzione di collagene di tipo 1. Forse il radiesse più dello ialuronico. Peraltro, se non si esagera non ci sono particolari problemi di fibrosi, che peraltro è l’unica che consente di ottenere retrazione cutanea. A me non sembra che il radiesse abbia una durata più lunga dello ialuronico. Se mai, essendo maggiore la fibrosi che produce, si può avere la sensazione che il prodotto duri di più. La ginnastica facciale potrebbe far riassorbire più velocemente anche il radiesse, non solo lo ialuronico. In ogni caso, visto che hai fatto la domanda alla dottoressa Beltrami, vediamo cosa risponde lei. Sicuramente più titolata di me. A presto

  • Aurelia ha detto:

    Grazie mille.

  • Maria ha detto:

    buonasera anch io vorrei sottopormi a radiasse per ridefinizione contorno mandibola e marionette ho letto di persone che hanno avuto problemi di costi nelle vicinanze degli occhi è possibile? e ora leggo fibrosi potreste spiegarmi in che senso ora mi stanno venendo in sacco di paure grazie

    • Faceboost ha detto:

      Il radiesse se utilizzato bene e se sussiste l’indicazione è molto efficace per la ridefinizione del contorno mandibolare. Per quanto riguarda la fibrosi, il trattamento stimola collagene fibrotico, che non è il male assoluto. Anzi permette la retrazione cutanea e soprattutto dopo una certa età è l’unico che puo essere stimolato se si vuole ottenere un risultato estetico visibile. Del resto la maggior parte di questi trattamenti stimola collagene fibrotico. Tu quanti anni hai?

Leave a Reply to maria Aurelia lucchese Cancel Reply