L’epilazione laser: intervista al dottor Alessandro Avvenente

Cosa s'intende per epilazione laser e come funziona questa tipologia di laser

Cosa s’intende per epilazione laser?

L’epilazione laser, è un trattamento avente lo scopo di eliminare progressivamente, in varie sedute e nel corso del tempo, i peli superflui che possono crescere in varie zone del corpo, ed impedirne la ricrescita.

Qual è la differenza tra  i termini “depilazione” ed “epilazione”?

La depilazione consiste nella rimozione del pelo a partire dal punto di emersione a livello della cute, l’epilazione consiste nella rimozione del pelo compreso il bulbo. Ecco perché quando utilizziamo  il laser si parla di epilazione.

Con l’epilazione e non con la depilazione, si ottengono i risultati migliori e, se effettuata in modo corretto, definitivi.

Qual è il ciclo di vita del pelo?

Così come il capello(vedi articolo LA CADUTA DEI CAPELLI: INTERVISTA ALL’HAIR STYLIST ADRIANA SERRETTI ), il ciclo di vita del pelo riconosce tre fasi e varia  in relazione:

  • al sesso,
  • all’età,
  • alla regione cutanea.

Le fasi del pelo sono:

Anagen: fase di crescita, che puo durare mesi o anni,

Catagen: fase regressiva che dura circa due settimane,

Telogen: fase di riposo dura circa 2/4 mesi, alla fine del quale il pelo cade, sotto la spinta di un nuovo pelo che si sta già  formando nel bulbo pilifero. Al termine di questa fase, infatti il follicolo riprende la sua attività entrando nella fase anagen e generando un nuovo pelo.

Come funziona il laser per l’epilazione?

Il meccanismo su cui si basa l’epilazione laser  è detto foto-termolisi selettiva.

In particolare i laser per l’ epilazione hanno come bersaglio la melanina (target cromoforo), il pigmento che colora il pelo,  presente nel bulbo pilifero.

cromofori sono sostanze che, oltre a conferire colore alle molecole, sono anche in grado di assorbire molta energia.

La nostra pelle contiene cromofori naturali come l’acqual’emoglobina e la melanina. Ciascuno di essi assorbe specifiche lunghezze d’onda a specifiche profondità ed ogni laser colpisce un determinato cromoforo.

Il laser emette una luce molto concentrata e precisa (onde luminose unidirezionali e monocromatiche), che non viene assorbita dai primi strati della cute, ma dal bulbo pilifero, ricco di melanina. L’energia della luce laser, una volta assorbita dalla melanina, viene trasformata in energia termica, surriscalda i peli, li scioglie e distrugge il bulbo pilifero, impedendo così la ricrescita di altri peli e lasciando inalterati i tessuti circostanti.

L’epilazione laser funziona su tutti i tipi di pelo?

Ho appena detto che i laser per l’epilazione hanno come bersaglio la melanina. Questo è  il motivo per cui:

  • i peli bianchi, privi di melanina, non possono essere eliminati dal laser,
  • il laser non è efficace sui peli in fase telogen in quanto, in questa fase, la melanina è quasi assente nel bulbo pilifero, mentre è efficace, al contrario sui peli in fase anagen. Da questo si deduce che quanti più peli in fase anagen abbiamo nella zona da  trattare in quel momento, maggiore sarà il risultato che avremo in quella singola seduta.

Quali sono le tipologie di laser utilizzate per l’epilazione?

I laser utilizzati per l’epilazione sono:

Laser Neodimio (Nd)-Yag (1064 nanometri): più adatto a chi ha la pelle scura e/o abbronzata. Il migliore alla nostre latitudini.

Laser ad Alessandrite (755 nanometri) adatto per pelli chiare e peli biondi (non bianchi), molto utilizzato nei paesi nordici. Non può essere utilizzato in estate e su pelli abbronzate.

Laser a Diodo (800-810nanometri) adatto per pelli chiare e peli biondi (non bianchi). Non può essere utilizzato in estate. Generalmente utilizzato per aree estese e meno preciso nelle piccole zone.  In questa tipologia di laser viene utilizzata una potenza più bassa rispetto a quella utilizzata con gli altri tipi di laser. Questo provoca minor dolore al paziente, ma sono necessarie più sedute per ottenere  risultati analoghi a quelli conseguibili con altri tipi di laser.

I numeri espressi in manometri  indicano la lunghezza d’onda in cui agisce l’emissione luminosa.

Tra questi laser, qual è il migliore per l’epilazione?

Non si tratta di indicare quale sia il miglior laser in assoluto, ma piuttosto  quale sia quello più adeguato per un determinato paziente  sulla base:

  • della stagione, estate o inverno,  in cui si decide di effettuare il trattamento,
  • del colore della pelle, chiara o scura,(fototipo)
  • del colore del pelo, chiaro o scuro.

Quale tipo di laser utilizza per l’epilazione ?

Personalmente utilizzo ed ho sempre utilizzato, fin da quando effettuavo il trattamento in ospedale,   il Laser Nd-Yag  GentleYag di Candela che conosco molto bene e con cui ottengo ottimi risultati.

Gli occhiali da indossare durante il trattamento

Quali sono le caratteristiche del laser Nd-Yag?

L’aspetto che ritengo più interessante, per le mie esigenze, riguarda essenzialmente  il fatto che con questo tipo di laser è possibile effettuare l’epilazione su ogni fototipo, anche su pelli scure e/o abbronzate.  Questo mi permette  di continuare il trattamento anche durante i mesi estivi.

Considerate che lavoro a Pisa, dove i miei pazienti vanno al mare fin da Aprile e quindi sono abbronzati per lunghi periodi di tempo. Se utilizzassi un altro tipo di laser, che necessitasse l’interruzione del trattamento durante il periodo estivo, il paziente rischierebbe di compromettere il ciclo di sedute eventualmente iniziato pochi mesi prima. La continuità del trattamento  è fondamentale per ottenere buoni risultati.

Rispondi