Hydrafacial: trattamento alternativo alle “punturine”?

Introduzione

Quando, per la mia seduta settimanale di ossigeno ozono terapia,  vado dalla dottoressa Beltrami (articolo L’ossigeno ozono terapia: intervista alla dottoressa Giulia Beltrami) nello studio Aurea di Bergamo  (www.aureamedicinaestetica.it), scopro sempre tante belle novità che, pian piano, compatibilmente con le esigenze della mia pelle, proverò su me stessa. E’ uno studio medico molto ben aggiornato e  all’avanguardia,  sempre alla continua ricerca di quelli che sono i trattamenti più innovativi ed efficaci che la medicina estetica mette a disposizione.

E propio una delle ultime volte in cui sono stata a Bergamo, ho visto, in ambulatorio, un macchinario che non conoscevo e che mi ha molto incuriosito. Ho chiesto che cosa fosse e a che cosa servisse. Dopo le spiegazioni d’obbligo e le mie innumerevoli domande, mi hanno proposto di provarlo e, come potrete ben immaginare, non mi sono tirata indietro.

Si chiama Hydrafacial. Ecco che cosa ho scoperto.

Cosa è Hydrafacial

È un trattamento non invasivo di pulizia profonda dell’epidermide  che agisce come una idro-dermo abrasione (www.hydrafacial.it).

Il macchinario Hydrafacial

Per  il trattamento viene utilizzato un manipolo simile ad una penna   caricato con appositi sieri, su cui vengono applicate  delle punte (tips) speciali monouso, HydraPeels,   differenti a seconda;

  • della fase di trattamento che si deve effettuare,
  • del tipo di inestetismo che si deve trattare
  • della zona su cui viene effettuato il trattamento, viso o corpo.
  • della tipologia  di pelle del paziente.
Il manipolo simile ad una penna

Le varie tips, grazie alla loro forma a spirale, consentono

  • di effettuare una pulizia efficace, esfoliando lo strato superficiale della pelle;
  • di veicolare, vari sieri idratanti, purificanti e antiossidanti utilizzati nelle varie fasi del trattamento . Ad ogni siero è associata una diversa tip
  • di esercitare un effetto vacuum regolabile che permette sia ai sieri di arrivare direttamente nella tip una volta che il manipolo viene a contato con la pelle, sia  l’aspirazione delle impurità. 
I vari tipi di tips
Una tip applicata sul manipolo

Se volete sapere come avviene il trattamento Hydrafacial leggetemi alla pagina successiva……

4 pensieri su “Hydrafacial: trattamento alternativo alle “punturine”?”

  1. E’ un trattamento multitasking che mentre ti purifica e stimola il rinnovamento cellulare, schiarisce anche il tono. Nel mio caso ero concentrata ad eliminare qualche macchia, ma in piu’ ho notato grande effetto anche contro i pori dilatati, sopra tutto sul naso, dove avevo spesso punti neri. I pori ci sono sempre, ma dopo 3 sedute si sono ristretti, di conseguenza si sporcano meno e la pelle rimane pulita a lungo. Leviga anche le rughette, non cosi forte come le punturine, ma l’effetto comunque c’e. Consiglio a tutti. E state sereni, nessun rischio e effetto collaterale

    1. Grazie Olga per averci raccontato la tua esperienza. Hai detto proprio bene: è un trattamento multitasking. Per me, come avrai visto, parla la foto. Grazie ancora. A presto. Michela

  2. Ciao Michela, sono poi stata dal Dott. Di Pietro, ma non ho avuto il piacere di conoscere lui ma una sua collega, la Dott.ssa Lovati…200 euro per farmi segnare una cremina, della cosmetici magistrali…e il consiglio di fare il picotage…vabbè, tanto se non fossi andata mi sarebbe rimasto il dubbio. Che pensi del Picotage? Può esser sostituito dal trattamento di cui sopra?
    Buon lavoro e grazie, Katiuscia.

    1. Ciao Katiuscia. Il trattamento Hydrafacial è un trattamento multitasking, che può agire anche per dare maggiore turgore alla pelle oltre per uniformare il colorito chiudere i pori ecc….Secondo me la biorivitalizzazione, se effettuata con prodotti adeguati è più efficace. Non so con hyadrafacial quanto i principi attivi riescano veramente a penetrare. Con le iniezioni invece questo dubbio non sussiste. Ma, visto che si va incontro all’estate (anzi è già estate), forse Hydrafacial può essere più azzeccato come trattamento. Considera che quando buchi la pelle c’è sempre il rischio di qualche ematoma che, con il sole, potrebbero trasformarsi in macchie. Provalo e sappimi dire. A presto. Michela

Rispondi