I trattamenti per il ringiovanimento delle mani: il peeling Enerpeel Hands

La mia esperienza con Enerpeel Hands

Quando mi sono rivolta alla dottoressa Beltrami per migliorare la pelle malconcia e grinzosa delle mie mani, avevo già le idee chiare: volevo effettuare subito un trattamento, di riempimento e stimolazione insieme, con Radiesse di cui ho appena fatto cenno. La dottoressa però, dopo avere analizzato la mia pelle,  mi ha consigliato di effettuare, prima un ciclo di peeling in modo tale da ridensificare un minimo la pelle. e poi, in un secondo momento, eventualmente,  effettuare  il trattamento con Radiesse. Perché, mi ha detto: la pelle delle tue mani è troppo sottille. Dobbiamo cercare di ispessirla un pò con un ciclo di peeling, in modo tale da evitare che il Radiesse (idropassite di calcio molto denso e bianco) possa trasparire e vedersi  attraverso la pelle. Poi vediamo. Tra l’altro con il peeling miglioreranno anche le poche (per fortuna almeno quello!) macchioline che hai.

Mi ha proposto un ciclo con Enerpeel Hands. Ho accettato  subito.

Ho effettuato un ciclo di tre sedute a distanza di circa tre settimane l’una dall’altra.

Osservate il video e capirete come è avvenuto il trattamento.

Cosa si avverte  durante il trattamento

Il peeling non è assolutamente doloroso, si ha solo una sensazione di leggero pizzicore durante il passaggio della salvietta neutralizzante.

Cosa accade dopo il trattamento

Immediatamente dopo il peeling la pelle appare lucida e tesa,  ma non si ha nè rossore né irritazione.

Per i primi due giorni ho  seguito le indicazioni della dottoressa e ho indossato dei guanti sottili per evitare di bagnare le mani. 

Dal terzo  giorno inizia una leggera desquamazione che prosegue per circa una settimana, dieci giorni.

In questa fase é molto importante:

  • tenere molto morbida la pelle con una crema molto idratante. Ho utilizzato quella fornita dalla dottoressa, Tebiskin UV-Sooth SPF 50, da applicare ripetutamente durante il giorno e, durante la notte, ho utilizzato Aquafor della Eucerin, una crema molto grassa, di cui ho parlato nell’articolo TRATTAMENTI QUOTIDIANI PER AVERE LABBRA SEMPRE PERFETTE
  • non cercare di forzare il distaccamento della pelle tirandola.

L’importante, dopo avere effettuato un qualsiasi tipo di peeling,  acido mandelico a parte che non è fotosensibilizzante,  è ricordarsi di applicare SEMPRE la crema protettiva.

 Cosa ho ottenuto con Enerpeel Hands

La mia pelle  è risultata fin dalla prima seduta:

  • più luminosa e “schiarita” tanto da notarsi   la differenza di colorito con il braccio,
  • più levigata e meno grinzosa,
  • meno macchiata. Le piccole macchioline che avevo sembravano essersi scolorite.

Nelle sedute successive questi risultati si sono accentuati sempre di più e alla fine della terza seduta la pelle era nettamente migliorata:

  • più rimpolpata e più “ridensificata”,
  • meno rugosa,
  • molto più luminosa e con un colorito più uniforme.

la mia mano prima del trattamento con Enerpeel Hands

la mia mano dopo il trattamento con Enerpeel Hands

A quel punto avrei voluto subito effettuare il trattamento di riempimento con il Radiesse, ma la dottoressa mi ha consigliato di aspettare. “Lasciamo passare un paio di mesi, mi ha detto, e vediamo che risultato finale avrai raggiunto. A quel punto decideremo il da farsi. Può darsi che  la pelle migliori ulteriormente.  Potresti non avere necessità di nient’altro”.

Infatti la rivitalizzazione e il ringiovanimento del derma con conseguente formazione di collagene autologo, impressa alla pelle dall’acido tricloracetico, avviene anche nei mesi successivi al trattamento. Quindi meglio non avere troppa fretta e lasciare “lavorare” l’acido. 

E’ un trattamento che consiglio a tutte coloro che presentano un livello di invecchiamento delle mani da lieve a moderato e che  vogliono migliorarne  l’aspetto  in modo:

  • semplice,
  • veloce: non ci sono tempi di recupero,
  • immediato,
  • duraturo nel tempo, grazie a questa caratteristica che ha l’acido tricloroacetico di stimolare la pelle  a produrre collagene anche nei mesi successivi al trattamento.

Manca ancora da svelare tutto quel che riguarda i trattamenti fai-da- te e gli accorgimenti da mettere in atto per mantenere le nostre mani giovani e belle il più a lungo possibile. E, non ultimo, il “super trattamento”  effettuato con Radiesse.  Ma per questo amiche mie, dovrete aspettare uno dei prossimi articoli……

Rispondi